La Milano Design Week 2017 si è appena conclusa: l’edizione 2018 si terrà dal 17 al 22 aprile.
Anche quest’anno abbiamo potuto assistere a grandi novità, a proposte che ben presto finiranno nel dimenticatoio, ma anche a gradite conferme. Prime fra tutte la presenza, ormai consolidata, di interessanti contaminazioni e sodalizi tra moda e design. Ancora una volta il Salone del Mobile si è rivelato un’occasione per stilisti e casa di moda di fare ricerca e sperimentare nuovi linguaggi.

Milano Design Week 2017: in viale Umbria, 42, Marni ha presentato “Playland”, un grande parco giochi aperto a tutti con complementi d’arredo in edizione limitata. Il ricavato della vendita di questa collezione sarà devoluto alla Only The Brave Foundation. Credits Marni

Le grande maison alla Milano Design Week 2017

Moltissime sono state, infatti, le maison che hanno presentato la propria collezione casa o hanno personalizzato iconici pezzi di design. Giorgio Armani ha inaugurato con un letto dal nome simbolico – Morfeo – il nuovo spazio Armani Casa. Il re del cashmere Brunello Cucinelli ha esordito nell’home decor con la sua prima capsule di complementi di arredo. Marni, all’interno del circuito del Fuorisalone, ha messo a segno un altro intervento nell’ambito del suo progetto sociale di cooperazione con le donne colombiane per la realizzazione di arredi da esterno prodotti con fili in pvc intrecciato. Gaia Trussardi, in collaborazione con l’architetto Carlo Colombo, ha presentato Maryl, una raffinata poltrona personalizzabile, omaggio allo stile milanese.

La primavera interattiva di COS, con New Spring

Per il sesto anno consecutivo ha confermato la sua presenza nel Fuorisalone il marchio svedese di abbigliamento COS. Nella grande kermesse, ha infatti presentato la nuova collezione Spring-Summer 2017 avvelendosi del poliedrico duo di artisti dello Studio Swine. All’interno dello spazio Cinema Arti, in Via Pietro Mascagni 8, ha regalato ai visitatori l’installazione più fotografata e condivisa dell’intero evento. Per chi se la fosse persa, può scoprire nella nostra gallery New Spring, un albero-scultura dal quale germogliano evanescenti boccioli di vapore acqueo.

Dolce&Gabbana e Paula Cademartori, osando con il design

Tra tutte le collaborazioni moda+design della Milano Design Week 2017, due hanno avuto come punto di forza comune il coraggio di osare con il colore e con l’ornamento. Entrambe le collaborazioni che stiamo per introdurre va riconosciuto il merito di essere riuscite a comunicare, proprio attraverso la policromia, le proprie origini. La prima incarna, senza dubbio, il manifesto delle tre ‘F’ del Made In Italy – Fashion, Food e Forniture -; la seconda rappresenta un frizzante debutto di una giovane designer di accessori luxury. Stiamo parlando di Dolce&Gabbana per Smeg e di Paula Cademartori per Kartell.

Milano Design Week 2017: Dolce&Gabbana per Smeg

D&G, dopo i Frigoriferi d’Arte, i piccoli elettrodomestici

Dopo la fortunata collaborazione dello scorso anno – con la presentazione durante il Salone del Mobile 2016 di Frigoriferi D’Arte, 100 esclusivi frigoriferi Smeg rivisitati e dipinti a mano da artigiani siciliani -, quest’anno la personalizzazione è toccata ai piccoli elettrodomestici di design del marchio, al centro del progetto – limited edition – Sicily Is My Love. Tostapane, spremiagrumi, frullatori, impastatrici, macchine del caffè ed estrattori di succo decorati a mano da artigiani dell’antica tradizione del Carretto Siciliano con agrumi, fichi d’india, greche ornamentali e paesaggi del Sud Italia, seguendo la stessa estetica protagonista dei capi di abbigliamento e degli accessori della collezione Dolce&Gabbana Spring-Summer 2017.

Colore e femminilità con Paula Cademartori

Kartell ha invece commissionato alla luxury designer italo-brasiliana Paula Cademartori la personalizzazione dell’iconica poltroncina Madame di Philippe Starck. Nasce così Madame Paula, una seduta in edizione limitata caratterizzata dall’inconfondibile grafica multicolor dell’artista fatta di stelle, petali noveau, piume, onde, cuori e l’immancabile iconica fibbia a forma di ‘P greco’ simbolo del marchio.

Milano Design Week 2017: Madame Paula, design Paula Cademartori per Kartell

Paula Cademartori apre un temporary store firmato Ferruccio Laviani

Per il lancio della collaborazione con Kartell e la presentazione della nuova collezione la stilista ha inaugurato, proprio durante la Milano design week anche il primo temporary store del marchio. Aperto fino al 16 aprile 2017, in Piazza San Babila, è stato progettato in collaborazione con l’architetto Ferruccio Laviani. Sviluppato su due piani, è caratterizzato da lunghi tendaggi color rosa polvere, tappeti-moquette intarsiati con i tipici motivi geometrici-onirici dell’artista e leggere mensole d’oro per l’esposizione dei pezzi in edizione limitata. Senza dubbio il pop-up store con l’allestimento più raffinato visto all’interno della manifestazione.

A questo punto, non resta che aspettare la prossima Milano Design Week per ammirare nuove interessanti contaminazioni tra moda e design.