Lettering V. M. 18

Ultimamente mi sono innamorata del lavoro di questa illustratrice: merito (probabilmente uno dei pochi) di un trasloco infinito grazie al quale ho rispolverato vecchi numeri di Wallpaper ormai dimenticati.

Ci piacciono le donne forti, quelle che hanno uno stile deciso, una personalità spiccata e che nel frattempo non hanno paura di mostrare la sensibilità che l’appartenenza al gentil sesso comporta. Insomma, quelle donne così, dolcementecomplicatesemprepiùemozionate. E Malika Favre è proprio una di quelle: il nome un po’ esotico ed un po’ franscese (ma vive a Londra) non è che l’inizio di una serie di sfaccettature che accompagnano tutto il suo lavoro.

Sensuale o dolce? Concreta o sognatrice? Se siete stufe di queste domande trite e ritrite (a proposito, nel trasloco ho ritrovato pure un noto giornaletto per adolescenti, stay tuned), apprezzerete sicuramente le illustrazioni di Malika, in cui si alternano delicata sensualità e raffinato bon ton, teneri animali (ma quanto è bello il bradipo?) e maliziose trapunte, illustrazioni socialmente impegnate e frivolezza multicolor.

Insomma, del suo lavoro ci siamo già ampiamente invaghiti. Che anche dal vivo sia un tipetto niente male è qualcosa che non fatichiamo a prevedere.

(tra l’altro, una finezza per noi feticisti del type design e compagnia bella: le tre A sulla copertina del Kamasutra sono tutte diverse: è decisamente amore!).