La parola d’ordine nei nuovi trend del make up è Vegan Friendly: prodotti non testati sugli animali con componenti di sola origine vegetale.

Il coniglietto del cruelty free in Italia non è un simbolo obbligatorio, quindi dovremmo, in teoria, rispolverare la passione ormai sopita per il piccolo chimico e darci all’interpretazione delle antiche rune degli ingredienti.

Ma siamo serie, per far prima affidiamoci a marchi già certificati e rendiamo meno traumatico per la coscienza l’abbandono dello pseudo-paradigma vegano: “Sono dura e pura, il carbone è il mio eyeliner”. Famosa per l’alta qualità dei prodotti, la Urban Decay, casa cosmetica inglese dall’animo glam rock, propone già da diversi anni una sezione vegana visibile nel sito ufficiale, in Italia disponibile nelle profumerie Sephora. Per le pigre e le principianti possiamo consigliare di iniziare con la Urban Decay Vegan Palette che garantisce un impeccabile nude look amico degli animali.

Sistemato il nude look, occupiamoci di smoky eye brillanti e selvaggi. Perché vietarceli? In Italia la NeveMakeup, per esempio, produce una intera gamma di prodotti vegan-friendly acquistabile online dal sito ufficiale.

La collezione di pigmenti è integrata da fissanti per il trucco che scongiurano spaventose metamorfosi durante la giornata, primer per gli occhi per aggirare l’effetto panda e tinte per labbra per un effetto Vegan Diva assicurato.

A quanto pare anche il makeup ha scoperto il suo animo sensibile e dopo aver conquistato le vegane, probabilmente conquisterà anche chi cerca solo texture e colori alternativi, per un restauro sì del viso, ma anche della coscienza.