& The Feel Good Factory.

Linus Hui è un personaggio poliedrico, egocentrico, il cui scopo è quello di far sentir bene le persone grazie a travestimenti e ad autoscatti. Ora, io immagino benissimo quali biechi pensieri avranno affollato le vostre menti, quindi vi fermo subito: perché Linus non è nulla di quello che state pensando, ma un bravissimo artista che si diverte a costruire costumi con la carta, indossarli ed immortalarli con fotografie che poi finiscono sul suo sito e sul suo profilo Flickr.

Ed è proprio grazie a Flickr che la sua creatività ha iniziato a farsi conoscere, con il progetto-diario 365, una serie di foto dell’artista e dei suoi travestimenti quotidiani, sempre accompagnati da consigli divertenti ed ironiche riflessioni sulla vita di ogni giorno.

Perché se Linus vuole sentirsi più macho, gli basta ritagliare nella carta un petto villoso, se vuole raccontare una storia gli è sufficiente creare animali di cartoncino, se vuole raggiungere il nirvana si agghinda da monaco buddhista con i ritagli di un foglio colorato.

E così, Linus e la sua fabbrica di felicità sono diventati sempre più conosciuti e richiesti, fino a prestare la propria creatività a negozi, pubblicità e copertine dei giornali.
Io ci provo, a seguire i consigli di Linus: fosse così facile, ora come ora indosserei volentieri un berretto da aviatore di cartoncino e partirei a razzo su un aeroplano fatto da una scatola. Sono impazzita? Forse tutto questo ritagliare non servirà per viaggiare davvero, avete ragione, ma di sicuro è la prova che, con le sue creazioni, la fabbrica della felicità di Linus è riuscita nel suo scopo.