L’ho scovata per caso una settimana fa e già l’adoro.

Per la serie “oggi non so cosa mettermi, esco in mutande…” vi presento The Velvet Room: il brand di lingerie da esibire come un capo di abbigliamento.

Il velluto che svela un segreto. Pizzi, perle, merletti, seta, seta, seta….
Femminilità che sgorga da ogni centimetro è l’inspiration del brand, a mio parere centrata perfettamente.

Questa startup nasce da un progetto di Alessandra Di Ioia, la creatrice. Dopo una carriera di studi poliedrica, divisa fra interessi di carattere umanistico, economico ma soprattutto nel campo della moda, Alessandra inizia ad organizzare degli swap party(???). Si tratta di feste in cui si portano i capi che non si indossano più: si fanno scambi, modifiche, e i capi vengono riutilizzati e sistemati per qualcun altro. Proprio di questo si occupava Alessandra… Trasforma di qua, trasforma di là, decide di voler creare una propria linea, e nel 2011 nasce The Velvet Room.
Bando alla semplicità: questa lingerie ricerca la sontuosità, grida femminilità.
Vuole vestire una Donna che abbia la pretesa di sentirsi sempre pronta ad uno show privato. E le linee romantiche e vintage garantiscono sempre la massima eleganza. Non a caso la testimonial della campagna 2012 è la modella e performer di burlesque, Veruska Puff.

.

Tutto è artigianale e personalizzabile su richiesta: taglie, colori, modelli e accessori.
Il pezzo da novanta del brand sono le giarrettiere, per spose eleganti che ricercano l’originalità; ma anche le mascherine da notte, per sogni in bianco e nero.

Per il momento TVR vende solo on line; è possibile ordinare e richiedere personalizzazioni sul sito, ma anche su Ueberlabel, DaWanda e da gennaio su Lacrom . Stanno però lavorando per una collaborazione su Milano, speriamo arrivi presto!

Photographer, Concept&Graphics Gianluca Adovasio