Essere in un luogo, Milano, avendo la sensazioni di trovarsi altrove. Riusciranno, una volta ultimati, i padiglioni di Regno Unito e Vietnam, ad assicurare ai visitatori la sensazione promessa? Dopo Brasile e Austria (di cui abbiamo mostrato una selezione di immagini qui) che con i loro allestimenti nazionali ricorreranno a metafore ardite e tenteranno sfide, un nuovo confronto: insieme, ancora, un paese europeo e una nazione in grande ascesa, fortemente connessa alle sue radici.

 L’alveare dei sogni del Regno Unito a Expo2015

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_04

Expo2015 | Padiglione Regno Unito

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_05

Expo2015 | Padiglione Regno Unito

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_06

Expo2015 | Padiglione Regno Unito

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_00

Expo2015 | Padiglione Regno Unito

Tema nazionale: Coltivato in Gran Bretagna, condiviso globalmente
Si candida ad essere una cosebella perchè: “E’ ispirato al ruolo unico che gli alveari hanno nel nostro ecosistema. (…)  Fonde il design di più alto livello con forti requisiti ecologici, che trovano origine nelle conquiste scientifiche più all’avanguardia, nelle agrotecnologie e nell’ingegneria agraria”
Progetto architettonico/allestimento di: E’ firmato da Wolfgang Buttress, artista pluripremiato con all’attivo numerosi interventi in spazi pubblici e privati, tra cui il poetico inno alla vitaGolden Dew, lanciato attraverso 4.000 sculture in vetro soffiato e acciaio disclocate  in un cimitero di Nottingham. La realizzazione è affidata ad un team internazionale di ingegneri edili e costruttori, ovvero Stage One e Rise.
More info: video di anteprima e qui

I grandi coni in bambù del Vietnam a Expo2015

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_02

Expo2015 | Padiglione Vietnam

L'EXPO CHE VERRA #02_CosebelleMagazine_02

Expo2015 | Padiglione Vietnam

Tema nazionale: Acqua e fior di loto
Si candida ad essere una cosebella perchè: “L’acqua è l’elemento più importante al mondo per il nutrimento e la vita di tutti gli esseri viventi, ma in realtà soffre a causa di inquinamento, sprechi e sovrasfruttamento. Il loto è un fiore molto diffuso in Vietnam, cresce dal fango esprimendo una disarmante bellezza e ha la capacità di purificare l’acqua in cui prospera. Questa doppia immagine è stata scelta per veicolare il messaggio del Vietnam alla comunità internazionale riguardo al suo impegno di proteggere attivamente l’ambiente e le risorse idriche.”
Progetto architettonico/allestimento di: E’ opera di un importante studio vietnamita, capitanato dall’architetto Vo Trong Nghia, con sedi a Chi Minh City and Hanoi. Grande sostenitore dell’uso del bambù in architettura, a tal punto da definirlo “l’acciaio verde del XXI secolo“, Vo Trong Nghia non perde un’occasione per ribardirne le straordinarie capacità e la versalità. Vedere per credere, qui.
More info: qui