Per i tre/quattro minuti necessari alla lettura di questo articolo, vi propongo una sfida: isoliamoci. Solo per un breve intervallo, sarebbe bello riuscire a silenziare l’amarezza suscitata dalle inchieste sull’Expo 2015 per prendere il meglio dell’avventura al via (speriamo) il primo maggio 2015. Per un po’ smettiamola di dare peso al grillo parlante checi ripete frasi come “Tanto lo sapevo…” // “E ti pareva!” // “Eh, la solita Italietta…” // “Non ce la faremo MAI.”  Insomma, teniamo a bada la delusione (seppur legittima) e torniamo a concentrarci sull’evento vero e proprio. Lo so: più facile a dirsi che a farsi.

Da oggi iniziamo ad avvicinarci all” Expo di Milano, a partire dalle alcune  delle certezze al momento disponibili: sì, sono solo render, eppure (ce lo siamo detti all’inizio, ve lo ricordate?) noi vogliamo già pensare al momento in cui diventeranno -malgrado tutti e tutto- bellissime architetture temporanee da attraversare, fotografare e con le quali interagire. Siamo proiettati avanti nel tempo, fino al giorno in cui entreremo in questi padiglioni manifesto dell’identità di tanti Paesi, vicini e lontanissimi. E per essere adeguatamente preparati alla visita all’Esposizione Universale di Milano, memorizziamo immagini e prendiamo appunti. Si comincia con i padiglioni nazionali di Austria e Brasile.

L’Austria a Expo2015

L'EXPO CHE VERRA_CosebelleMagazine_00

Expo2015 | Padiglione Austria

L'EXPO CHE VERRA_CosebelleMagazine_01

Expo2015 | Padiglione Austria

L'EXPO CHE VERRA_CosebelleMagazine_06

Tema nazionale: breathe.Austria

Si candida ad essere una cosebella perchè: “Non un padiglione nel senso comune, ma una fitta foresta naturale – questo è il contributo dell’Austria a Expo Milano 2015. Il respiro diventa per breathe.austria esperienza sensoriale, un modo per rendere l’aria, mezzo di sostentamento primario, qualcosa di realmente percepibile. La purezza dell’aria, così come le foreste naturali sono due peculiarità dell’Austria che sottolineano la validità del concetto. Il padiglione verrà vissuto principalmente come luogo di incontro e intrattenimento. Oltre alle proiezioni multimediali e grafiche, uno scenario boschivo inviterà ad approfondire i rapporti già tradizionalmente buoni tra i due vicini, Italia e Austria.
Progetto architettonico/allestimento di: si tratta di un team interdisciplinare con la direzione del prof. Klaus K. Loenhart, architetto e paesaggista.
More info: qui e qui

Il Brasile a Expo2015

A_CosebelleMagazine_05

Expo2015 | Padiglione Brasile

 L'EXPO CHE VERRA_CosebelleMagazine_03.jpg

Expo2015 | Padiglione Brasile

LEXPO-CHE-VERRA_CosebelleMagazine_04.jpg

Expo2015 | Padiglione Brasile

Tema nazionale: Sfamare il mondo con soluzioni

Si candida ad essere una cosebella perchè: “Basandosi sul tema “Sfamare il mondo con soluzioni”, il padiglione brasiliano adopera la metafora della rete – flessibilità, fluidità, decentralizzazione – per mostrare la connessione e l’integrazione dei diversi soggetti grazie ai quali il Brasile ha conquistato il ruolo di primato mondiale come produttore di cibo. Nell’area di 4133 metri quadri il Brasile mostra ai visitatori di Expo MIlano 2015 tutte le possibilità in fase di studio e di realizzazione per aumentare e diversificare la produzione alimentare e venire così incontro alla domanda di cibo del mondo intero, usando tecnologie avanzate in modo sostenibile.”
Progetto architettonico/allestimento di: Studio Arthur Casas
More info: quisito ufficiale non disponibile

__
Le immagini sono estratte dal profilo ufficiale Pinterest di Expo2015