Viviamo in tempi strani e spaventosi. Stiamo attraversando un periodo storico difficile, c’è in atto una battaglia per i diritti civili e la libertà, ma anche per la salvaguardia dell’ambiente dove è in gioco il futuro del mondo. La disinformazione regna sovrana, in internet e sui social network, dove girano fake news e fatti alternativi. Il modo è sempre più difficile da capire. Proprio per questo servono nuovi strumenti: la stampa tipografica a caratteri mobili è uno di quelli. “Resist“, la resistenza, questo è il tema di quest’anno del “Letterpress Workers Internation Summit“: la tipografia è, essa stessa, una forma di resistenza, perchè esiste ancora dopo più di mille anni e dell’avvento di nuove tecnologie e anzi, il numero di persone che coinvolge aumenta di anno in anno; in più il processo di stampa incorpora una forma di resistenza, quella tra lettere, inchiostro e carta.
Il “Letterpress Workers International Summit” è un raduno annuale di designer e tipografi provenienti da tutta Europa e dalle Americhe, dove i partecipanti lavorano insieme sul tema comune dell’anno, condividendo le proprie conoscenze e competenze. In poche parole, un social network fisico della tipografia.

Letterpress Workers Internation Summit per loro gentile concessione

Letterpress Workers Internation Summit per loro gentile concessione

Giunto alla sua sesta edizione, l’evento è nato nel 2012 a cura dell’Officina Tipografica Novepunti e dal 2014 si svolge presso il Leoncavallo s.p.a. a Milano, quest’anno dal 28 giugno al 2 luglio. Il raduno ruoterà attorno ad un vero laboratorio di stampa tipografica, all’interno del quale quaranta fra i più interessanti designer mondiali animeranno una residenza d’artista aperta al pubblico.

Letterpress Workers Internation Summit per loro gentile concessione

Letterpress Workers Internation Summit per loro gentile concessione

Letterpress Workers Internation Summit per loro gentile concessione

Quest’anno il programma è davvero ricco: interventi e conferenze sulla tipografie internazionale, dimostrazioni pratiche, chi volesse potrà partecipare a workshop molto interessanti (sia per adulti che per bambini) e soprattutto l’ingresso è libero, chiunque può passare a dare una sbirciatina! L’evento si concluderà con una grande asta tipografica finale dove alcune delle opere prodotte nei giorni del summit saranno subito acquistabili.
Print me baby one more type.