Chi si ricorda del film di Woody Allen, “La Rosa Purpurea del Cairo” ambientato per la maggior parte del tempo in quella meravigliosa sala cinematografica con i rivestimenti in legno scuro, le tende del sipario in velluto rosso e il fascio di luce del proiettore che illumina il visto estatico di Mia Farrow?

purpleroseofcairo_Cosebelle_01

Ebbene, immaginate quell’atmosfera anni ’20 concentrata in un piccolo cinema nel quartiere universitario di Leeds. Piccolo nelle dimensioni ma grande nel suo valore storico, L’Hyde Park Picture House viene fondato nel 1914 e, durante gli anni del primo conflitto mondiale, proietta i cinegiornali con le ultime notizie dal fronte, oltre a film e commedie patriottiche per tenere alto il morale dei residenti.

HydeParkPictureHouse_cosebelle_01

La storia di questo cinema è stata attraversata da diversi eventi che più volte ne hanno fatto temere la chiusura; non ultimo il fenomeno infestante delle multisale che tendono a spazzar via piccoli gioielli storici come, appunto, l’Hyde Park Picture House. Per fortuna, il lungimirante intervento del Leeds City Council ha saputo preservare il valore storico, culturale e artistico del cinema alla pari dei teatri della città.

HydeParkPictureHouse_cosebelle_02

La programmazione mensile è sempre al di sopra delle aspettative per ogni cinefilo che si rispetti. Film in lingua originale con sottotitoli, talvolta capolavori del passato in versione restaurata, retrospettive (a breve comincerà quella in onore di Philip Seymour Hoffman) e diversi festival durante l’anno che offrono una scelta incredibile di film indipendenti britannici e stranieri.

HydeParkPictureHouse- cosebelle_03

L’unica sala, con platea e balconata, offre ogni giorno dalle due alle quattro proiezioni. I matinée per le famiglie, il programma BYOB (Bring Your Own Baby) con il quale i bambini entrano gratis. Da gennaio è attivo l’Autism Friendly Screenings che, ogni terza domenica del mese proiezioni, permette alle persone autistiche di assistere alle proiezioni con la libertà di muoversi nella sala dove le luci e il sonoro sono regolate appositamente. Impressive, isn’t it?!

HydeParkPictureHouse_cosebelle_04

Hyde Park Picture House credit: http://www.tripadvisor.co.uk

Le poltrone di velluto rosso sono ideali per sprofondarvi comodamente, tanto da aver fatto guadagnare al cinema la nomea di “The cosiest (place?) in Leeds”. Quindi, in caso il film fosse particolarmente soporifero, non temete! Al massimo vi potreste risvegliare in un’atmosfera anni ‘20 sulle note di “Dancing cheek to cheek” accanto a una sognante e speranzosa Cecilia (AKA Mia Farrow).

__
Scopri tutte le cosebelle di Leeds e dello Yorkshire qui!