Instant Gallery Paris

Notata a soli 14 anni da Bettina Rheims, Kate Moss diventa in pochi anni musa ispiratrice di tanti artisti, stilisti e fotografi.

Fin dai primi scatti, suscita l’interesse del grande pubblico: la fisicità prorompente, il viso atipico, la silhouette skinny e i suoi atteggiamenti disinibiti la rendono in poco tempo una delle più grandi icone della sua generazione.

C’è chi ne critica l’aspetto androgino, chi il viso poco regolare, chi ancora le “cattive condotte” tra uomini, festini e campagne provocatorie.

Che la si ami o meno, bisogna ammettere che Kate ha sempre avuto la capacità di tenersi propria la scena.

E ora, dopo 20 anni di polemiche e successo, l’Istant Gallery di Parigi ha deciso di renderle omaggio, ospitando la mostra “Kate Moss et les plus grands photographes”.

Esposti, un centinaio di scatti tra cui quelli di Paolo Roversi, Corinne Day, Mario Sorrenti, Bert Stern, Patrick Demarchelier, Rankin, Mary McCartney.

Queste sono alcune delle foto che la gallerista e curatrice Julia Gragnon diffonde come sbirciata in anteprima.

Instant Gallery

“Kate Moss et les plus grands photographes”

13 maggio – 14 settembre

46 rue de Poitou, Paris.