É vero che gli svizzeri, con i loro sandali e calzini bianchi, non sono proprio dei campioni di stile; ma c’è sempre l’eccezione che conferma la regola.

Le arcate del Kornhaus a Berna

Le arcate del Kornhaus a Berna

Costruito tra il 1711 e il 1718, il Kornhaus serviva a Berna come granaio nella arte superiore, mercato nel grande spazio centrale e cantina nelle cave sotterranee. Al tempo si diceva “Venezia siede sull’acqua, Berna sul vino”. Nel 19esimo secolo però la situazione cambiò drasticamente. Berna perse molti dei suoi domini, il mercato si ridusse e il granaio perse la sua funzione.

una cartolina raffigurante il Kornhauskeller

Una cartolina raffigurante il Kornhauskeller

Da allora venne adibito alle più diverse funzioni, fino alla fine del 1800 quando si decise utilizzarlo per feste e celebrazioni. Quella che un tempo era la cantina (Kornhauskeller), é ora uno dei ristoranti più chic della capitale.

l'entrata alla cantina/ristorante

L’entrata alla cantina/ristorante

La prima volta che ci ho messo piede, e ogni volta a seguire, mi ha dato una chiara sensazione di soggezione e impotenza. All’entrata una massiccia scalinata si apre su un’impotente sala con tanto di gallerie in legno al piano superiore (dove é situato il bar), e colorati dipinti ispirati alla cultura del cantone.

le gallerie del bar al piano superiore

Le gallerie del bar al piano superiore

Ci sono 12 colonne su cui sono raffigurati i costumi tipici delle donne bernesi, accompagnati da animali e piante della zona, canzoni folkloristiche e musici in costume. L’effetto é senza dubbio stupefacente. Se volete far effetto su qualcuno e offrire una deliziosa cena in un posto speciale, consiglio vivamente il Kornhaukeller. La cucina è squisita e offre un mix di piatti tipici svizzeri con qualche influenza italo-francese: insomma una cucina adatta a tutti… o a tutti coloro che possono permetterselo!!!

i tavoli del risotorante

I tavoli del ristorante

Un piccolo consiglio: quelle sere in cui ho voglia di chic, un drink al bar del Kornhauskeller è necessario. Luci soffuse, poltroncine comode e un amaretto sour con ciliegina obbligata.