Metronomy

Nel 1999 alcuni di noi affrontavano l’esame di maturità, davano il primo bacio, suonavano in una cover band metal, sostenevano il primo colloquio di lavoro.

Nel 1999 Joseph Mount, originario del Devon, Inghilterra, si faceva vendere un vecchio computer dal padre, e sceglieva come hobby di comporci la propria musica, e cominciava quel progetto solista che poi avrebbe preso il nome di Metronomy.

Il suo genere musicale può essere classificato come electropop, dove melodie esclusivamente create al computer si accompagnano a strumenti veri e propri. Quindi Mount passa da compositore a polistrumentista, da polistrumentista a cantante.

Di lì a poco, grazie alla grandissima diffusione di Myspace e, di conseguenza, una risposta positiva degli ascoltatori ai brani pubblicati da Joseph, la piccola label francese Because Music decide di mettere la musica di Metronomy sotto la propria ala protettrice.

Pip Paine (pay the £ 5000 you owe), disco del 2005, riceve ampi consensi dal pubblico e permette al gruppo (Mount ed i suoi musicisti live, che successivamente faranno parte integrante della band) di seguire in tour band come Bloc Party.

Notevole anche l’impatto visivo delle performance di Metronomy, abbellite con luci a pressione posizionate all’altezza del petto, attivate o disattivate dai musicisti stessi a seconda del ritmo della canzone, creando un effetto scenico affascinante. Lasciate le luci a pressione degli one pound shop, ora le suddette sono pre-sincronizzate.

Tra un live e l’altro, un disco e l’altro, Joseph Mount ha remixato brani di Franz Ferdinand, Gorillaz,  Klaxons e Kate Nash.

Nel frattempo la band si stabilisce a Brighton, cittadina costiera a sud di Londra, e nel 2008 esce l’album Nights Out, un’opera volutamente lo-fi, concetto che si ripete nel videoclip del singolo A Thing For Me. Come in un karaoke, una palla (in 3D) rimbalza letteralmente sulle persone che si trovano dietro il testo della canzone. Il video, autoironico e geniale, è stato concepito dal collettivo francese Megaforce.

Metronomy hanno in uscita per il prossimo aprile il terzo album in studio: The English Riviera. Il primo singolo estratto è She Wants, disponibile in download gratuito nel sito ufficiale della band.

Nel marasma di gruppi electropop e synthpop, Metronomy si sanno distinguere perchè nelle loro composizioni c’è sempre qualche suono inedito, anche se solo accompagnato dall’ “armonia” di una chitarra elettrica in modalità acustica scordata di proposito. La band compone brani che creano una vera e propria dipendenza anche a chi ha l’orecchio poco allenato all’elettronica. Definire Metronomy electropop, tuttavia, è riassuntivo. Magari per questa volta evitiamo classificazioni e collocazioni, ascoltiamoli e basta.