Dopo aver letto La giusta mezura di Flavia Biondi (edito da Bao Publishing) una domanda nasce spontanea: ma davvero esiste ancora l’amore cortese? Ci sono ancora, da qualche parte nel mondo, cuori colmi di tenerezza che si innamorano di romanzi ambientati nel medioevo dove un prode cavaliere affronta sette prove di coraggio per conquistare il cuore della sua bella? E vi dirò che sì, esistono ancora perché se animi simili gironzolano ancora per il mondo è perché in realtà è più difficile rispondere alla seconda domanda che rincorrere il lettore lungo le tavole di questo graphic novel: ma l’amore, in generale, esiste davvero?

È così che fanno gli adulti. Fanno del male e poi ingoiano. Cresci un po’.

Mia e Manuel vivono e si amano da 8 anni a Bologna. La loro vita, da ex studenti in una camera che condividono in un appartamento con altre persone, si trova in quel limbo fra il voler terribilmente rincorrere i propri sogni e continuare invece a fare lavoretti passeggeri, sognare di cambiare vita ogni cinque minuti nell’attesa che qualcosa di buono capiti senza però riuscire mai veramente a trovare il coraggio per prendere una scelta d’istinto e trovarsi, prima o poi, un futuro diverso.

La giusta mezura, infatti, è soprattutto una storia d’amore e lo è nel profondo perché ragiona sulle lunghe distanze, su ciò che l’amore diventa con il passare degli anni e cosa porta con sé nei cuori e nelle menti di chi ne è folgorato. Flavia Biondi racchiude in tavole dalla tonalità blu tutti i sogni e gli incubi che rincorrono i giovani persi in un presente sempre più difficile da gestire. I progetti futuri, quelli che potrebbero trasformarsi un giorno nella parola “famiglia”, fanno continuamente a pugni con la ricerca della propria identità e professione, al tentativo di trasformare i propri studi in un lavoro vero. Eppure il desiderio di continuare a fare ciò che si ama, anche durante quelle nove ore al giorno in cui si cerca di portare a casa il necessario per vivere e magari (si spera) qualcosa in più, è una fiamma che non si spegne mai, un motore sempre acceso che muove gli animi e i pensieri.

La storia di Mia e Manuel, così, si trasforma in una ricerca dell’equilibrio, della giusta mezura, in una sua rincorsa che viene deviata dalla monotonia e l’arrivo di una distrazione, Nicola, un ragazzo che può essere uno qualsiasi e che lancia la mente della protagonista di questo graphic novel in un turbine di domande.

Flavia Biondi racconta la quotidianità dei protagonisti e il loro modo di affrontare la vita con stili grafici (e linguistici) differenti, alternando le voci di Mia e Manuel a quelle dei personaggi del libro che Manuel sta scrivendo e pubblicando a puntate online, nella speranza di essere notato e trasformare, un giorno, le proprie pagine ambientate nel Medioevo in una vera e propria pubblicazione. La magia di Flavia Biondi, poi, sta nel dare alle parole sfumature diverse, osservazioni che danno alle sue tavole quella magia in più.

Storia: una parola che rappresenta gli avvenimenti assolutamente reali del passato e allo stesso tempo un racconto. Qualcosa di esclusivamente immaginario. Ma significa anche avere una relazione. Mi piace pensare che questo indichi che i nostri legami vivono nel giusto equilibrio fra realtà e fantasia.

E se la ricerca dell’equilibro fra crescere, amare e vivere è complicata da trovare, La giusta mezura parla al lettore con realtà ma affetto, lasciando intendere sin dall’inizio che l’amore esiste, eccome se esiste, e sta nelle autrici che aprono le proprie storie a fumetti con dediche così:

Ad Anna, che non mi ha mai chiesto di essere un Cavaliere o una Dama, ma ha sempre voluto che fossi una valorosa guerriera.