Mentirei spudoratamente se vi dicessi di non aver mai ceduto all’acquisto sconsiderato di un prodotto perché mi piaceva la confezione, o come il gergo della beauty community mi imporrebbe di dire, il packaging. Sì, è esattamente come giudicare un libro dalla copertina e sì, l’importante dovrebbe essere il contenuto e non il contenitore. Eppure eccoci qui, tutte colpevoli del medesimo crimine. Perché lo so che anche voi avete fatto la stessa cosa, almeno una volta.

Mentirei se vi dicessi di non aver mai ceduto all’acquisto di rossetti Chanel Rouge Allure perché il click dell’apertura è estremamente gratificante, e gli oggetti in sé, neri e dorati, sono pesanti e chic, e volevo averli nella mia vita e svegliarmi insieme a loro, e fare colazione insieme ogni mattina e vivere felici.

Ne vado fiera? Direi di no. Ho intenzione di smettere di farlo? Non questa settimana.

E dal momento che siamo qui, mentirei se non ammettessi di avere una cipria che non uso mai e che ho acquistato solo perché era bellissima, una crema mani a forma di banana che profuma di banana, un burro cacao fatto a coniglio con la faccia incazzata e un rossetto con su scritto “too cool for school”.
Mentirei, e non mento mai.

Ma quando si tratta di skincare, nel mio caso vediamo la tendenza capovolgersi immediatamente. Raramente mi vedrete acquistare skincare d’impulso e senza essere informata. Ma datemi un buon prodotto, e potrete confezionarlo pure dentro un barattolo della maionese. Anzi, spesso ma non sempre ci sono ottime probabilità che meno sontuosa sia l’apparenza, più tempo e risorse siano stati investiti per lo sviluppo di un prodotto finale che valga la pena provare.

Kiehl’s rappresenta un ottimo esempio di come un (inizialmente piccolo) brand sia diventato noto per i propri prodotti e per l’approccio “farmaceutico”, facendo poi del proprio aspetto minimale, delle etichette essenziali con gli ingredienti stampati sul fronte il proprio marchio di fabbrica.

Kiehl’s nasce in una piccola farmacia dell’East Village a New York nella metà dell’Ottocento. Di strada da allora ne ha percorsa parecchia, fino a entrare a far parte della grande famiglia L’Oreal qualche anno fa, ma l’imprinting del brand si conserva marcatamente “da laboratorio” e orientato alla praticità e all’efficacia, come testimonia anche il programma di riciclo dei prodotti vuoti, o la possibilità di avere una consulenza personalizzata, tramite cui letteralmente creare una serie di prodotti ad hoc, corrispondenti alle proprie esigenze. Un’altra mossa intelligente è che Kiehl’s dà la possibilità di acquistare la maggior parte dei prodotti in formati differenti, utile soprattutto per provare un prodotto senza dover necessariamente acquistare il formato più grande.

Quelli che seguono sono solo alcuni dei miei personali preferiti, tra cui si trovano alcuni prodotti ormai famosi, e anche qualche prodotto forse meno conosciuto ma ugualmente amato dalla sottoscritta. Come con ogni classifica che si rispetti, cominciamo dalla posizione numero 5.

5. BODY FUEL ALL-IN-ONE ENERGIZING WASH

Questo bagnoschiuma è la nuova versione del precedente “Cross-Terrain”, ora fuori produzione. Un detergente pensato per un pubblico maschile, ma a me piace vivere pericolosamente e lo uso lo stesso. Il profumo è rinvigorente e fresco, con delle note mentolate, e si sdoppia come detergente viso e shampoo (forse se costretta ad andare in campeggio). Nonostante preferissi la sua versione precedente, resta uno dei miei bagnoschiuma preferiti e ne ho sempre uno in giro per casa. Disponibile anche in mini-taglia.

turmeric mask kiehl's

4. TURMERIC & CRANBERRY SEED ENERGIZING RADIANCE MASK

Questa maschera è gialla (non potete vederlo dalla foto perché della mia non è rimasta una goccia, e riciclerò il vasetto) dalla consistenza compatta (sapete quando stendete una maschera all’argilla?) e contiene dei minuscoli semi di frutti rossi, che hanno il compito di fare un leggero scrub quando andremo a rimuoverla una volta asciutta. Nonostante io non sia una fan degli scrub meccanici (quelli con i granuli che “grattano” la pelle, per intenderci), questa maschera è assolutamente un sì, e lascia la pelle luminosa e tonica, purificata non perché vada ad agire su imperfezioni e punti neri, ma perché aiuta a migliorare la pelle spenta. Esiste anche in un formato da 30 ml da viaggio.

creamy eye treatment kiehl's

3. CREAMY EYE TREATMENT WITH AVOCADO

Ben prima che prendessimo una sbandata collettiva per l’avocado, c’era questa crema contorno occhi a base di avocado. Una volta lessi, non ricordo più dove, la seguente massima: la pelle intorno agli occhi è come una borsa di pelle, una volta che si è stretchata, non torna più come prima. Schopenhauer? Probabile, non ne sono sicura, ma ogni tanto mi diverto a terrorizzare le amiche buttandola lì. Con questa crema contorno occhi entriamo direttamente tra i top seller, uno dei prodotti più amati del brand. Per anni al centro delle lodi sperticate di make up artist, modelle e addetti ai lavori, perché super idratante, emolliente nonché ottima base per il make up. Per una pelle giovane o senza particolari necessità, è un ottimo contorno occhi, che all’occorrenza potete usare come maschera/impacco, quando la pelle attorno agli occhi è particolarmente secca e segnata. Consigliato soprattutto a chi si accinge a provare la prima crema contorno occhi, con questa non sbaglierete. La consistenza all’inizio potrà sembrarvi particolare, ma dopo qualche secondo la crema arriva a “rottura” e diventa sottilissima, quasi liquida, e si stende con facilità (senza tirare la pelle, ricordiamo la storia delle borse di cui sopra).

midnight recovery concentrate kiehl's

2. MIDNIGHT RECOVERY CONCENTRATE

Ecco un altro prodotto icona del brand, nel famoso flacone di vetro blu. Si tratta di un olio riparatore notturno, di cui di recente Kiehl’s ha proposto anche la versione giorno. Ha un’altissima percentuale di oli naturali ed è formulato senza parabeni e senza acqua. Il successo di questo trattamento ha fatto sì che venisse creata un’intera linea di prodotti Midnight Recovery, comprensiva di un contorno occhi e un olio detergente viso. Questo trattamento è una perfetta risposta ai malumori temporanei della pelle, per quei giorni MEGA-NO in cui sembrate sbagliarle tutte, nonché un ottimo trattamento viso continuativi. Aiuta ad attenuare rossori, a migliorare l’idratazione delle pelli secche, a bilanciare le zone miste della pelle, e in generale è un ottimo trattamento distensivo e rivitalizzante.

original musk kiehl's

1. ORIGINAL MUSK BLEND N. 1

PLOT TWIST SIGNORE, il podio non va a un prodotto skincare, ma a un profumo! Però questo non è un semplice profumo unisex al muschio, è probabilmente IL profumo unisex al muschio. Un grande classico, imprescindibile se amate questa nota olfattiva. Oltre al muschio animale, tra le altre note ci sono il patchouli, il neroli, la fava tonka e il giglio. Questo l’ho letto su Fragrantica, mentre se dovessi descriverlo io direi più una cosa come: odora di giacca di pelle quando fa freddo e rientrate in casa, tabacco, legno con una punta di fiorato, e alla fine “profuma di pulito”. Credo di aver appena descritto la sintesi estrema del muschio.

Con questo si conclude la classifica dei nostri preferiti. Perché alla fine della giornata, al di là degli eyeliner a forma di scettro di Sailor Moon, oltre le maschere in tessuto con la faccia da drago, le creme notte dai nomi a doppio senso, i balsami antirughe olografici, niente ci rassicurerà più di un bel flacone bianco, con un font leggibile, magari con le scritte in stampatello e i nomi dei prodotti sottolineati, che ci spiegano cosa ci stiamo per mettere sulla faccia senza girarci intorno. E poi, ma vogliamo dire che bene che stanno sulle mensole del nostro bagno?

Adesso che io vi ho detto i miei, però mi dite anche i vostri acquisti beauty sconsiderati…