20150113_183350-11

Memore del mio Natale, come dire, calorico, ho deciso di inaugurare l’anno nuovo con una ricetta che non minerà gli sforzi fatti fino ad ora per rimettermi in riga, e che vede protagonista una verdura molto saporita e versatile, il cavolo verza. No! Non scappate! Statemi a sentire!

Il piatto che vi propongo è facile e buono, e altro non è che una versione più semplice e vegetariana delle sarmale, uno dei piatti nazionali della Romania, involtini di foglie di varza murata con un ripieno di riso e carne. Le sarmale sono diffuse in tutto l’Est Europa, dalla Bulgaria alla Serbia alla Turchia, e anche in Grecia, ma con le foglie di vite. Io li ho assaggiati la prima volta proprio in Romania nella loro versione originale (una meraviglia che vi consiglio di provare).

Qui vi propongo della sarmale più leggere e veloci, rivisitate in chiave vegetariana.

Ingredienti per 8 involtini:

8 foglie grandi di cavolo verza

5 carote

5 zucchine

1 cipolla

1 uovo

3 cucchiai di pangrattato

1 cucchiaio di parmigiano

paprika e prezzemolo

sale e pepe

olio evo

 Lavate le foglie di verza: sceglietele integre, belle croccanti e non troppo piccole, quindi sbollentatele per 10 minuti in una pentola con abbondante acqua salata. Scolatele e mettetele da parte.

Per il ripieno, mondate e lavate zucchine e carote, tagliatele in tocchetti di media grandezza (la dimensione è indifferente perché poi saranno ridotti in una purea; ovviamente più piccole tagliate le verdure, prima si cuoceranno). Tagliate anche la cipolla e fatela appassire in una padella dai bordi alti con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e un pizzico di paprika. Dopo cinque minuti unite le verdure e fatele cuocere a fiamma media. Se tendono ad attaccarsi, unite una tazzina di acqua o meglio ancora un po’ di brodo vegetale, poco alla volta. In una ventina di minuti saranno pronte. Spegnete il fuoco, salate e aspettate che si freddino: potete travasarle in una ciotola pulita per fare prima.

Quando le verdure saranno tiepide, riducetele in una purea grossolana utilizzando il frullatore a immersione (ci vorranno 2 minuti). Se non ce l’avete, niente paura, basta schiacciarle con una forchetta, anche perché non dovete ottenere una purea senza grumi: se rimane qualche pezzetto di carota intero è anche meglio! Quindi, unite alla pure tutti gli altri ingredienti: il formaggio, il prezzemolo tritato, l’uovo intero e il pangrattato, e amalgamate bene.

 Adesso potete riempire gli involtini: stendete la foglia di verza su un tagliere, eliminate con un coltello la parte inferiore della costola centrale, quella molto spessa e dura (incidendo la foglia solo in quel punto, e per il resto lasciandola integra), prendete un cucchiaio del composto e disponetelo su una metà della foglia, quindi arrotolatela e richiudetela a pacchetto.

Disponete tutti gli involtini su una teglia da forno ricoperta di carta da forno, conditeli con un filo di olio e infornateli a 180 gradi per 25-30 minuti. Sono buoni anche tiepidi!

20150113_204454-11