L’insalata russa sarà russa davvero?

In Germania la chiamano insalta all’italiana, in Russia insalata Olivier o insalata polacca e nel ‘700 era nota come insalata alla genovese! Alcuni però sostengono che il suo inventore, un certo Olivier per l’appunto, la creò nelle cucine del ristorante russo Hermitage di Mosca ed è forse proprio per questo motivo che ancora oggi è conosciuta con questo nome.

È un ottimo contorno, ma anche un antipasto sfizioso e buonissima se fatta in casa! Diffidate da quelle insalate che spacciano per russe nei banconi frigo dei supermercati tutte infarcite di sottaceti e olive! Sacrilegio!

L’insalata russa vuole verdure fresche, lessate separatamente ed unite ad una buona maionese (meglio se fatta in casa – vedi la ricetta per la maionese del 26 gennaio).

Ingredienti:

– 800 gr di patate

– 300 gr di carote

– 300 gr di piselli

– 300 gr di maionese (oppure 200 gr di maionese e 100 gr di yogurt bianco intero non zuccherato)

– 60 gr di cetriolini sott’aceto

– olio extra vergine d’oliva

– sale

Pulire le patate, tagliarle a cubetti e sbollentarle per qualche minuto finché risulteranno cotte. Procedere allo stesso modo con le carote ed i piselli.

Cosa molto importante per la riuscita della preparazione è lessare le verdure separatamente e non farle cuocere troppo a lungo, in modo da fargli mantenere una certa consistenza all’assaggio. Mentre le verdure si raffreddano sminuzzare i cetrioli. Quando le verdure saranno fredde mescolare insieme patate, carote, piselli, cetrioli e condire con sale e olio extra vergine d’oliva.

Unire la maionese e mettere in frigo per almeno un’ora prima di servire.

Vinciamo la diffidenza verso questo piatto visto nelle cucine della vecchia zia solo a Natale.

Forse l’unico deterrente sono le calorie… Ma fidatevi, solo quelle!