Il primo Game Boy, l’ultimo livello raggiunto giocando a Snake, essere bravi a “palla prigioniera”. Ci sono cose che alcuni bambini non hanno avuto, non hanno mai raggiunto e mica per quali assurdi motivi, semplicemente sono cresciuti con i nonni, in campagna, dove tutto ciò che era all’incirca moderno non veniva nemmeno preso in considerazione (perché una considerazione di ciò nemmeno c’era). Questa breve e diretta introduzione è per gettarvi ne “Il mare dove non si tocca, il nuovo libro di Fabio Genovesi che potrebbe essere descritto come un semplice ma dolce rimando a infanzie diverse, eppure speciali forse più di molte altre banali e normali.

Fabio vive al Villaggio Mancini, circondato da una decina di nonni, i fratelli del nonno materno, che da prozii amorevoli giocano al ruolo del parente destinato a crescere e guidare i più piccoli in mirabolanti avventure alla scoperta del mondo. Quelli di Fabio, però, sono nonni a volte irruenti, sono persone dolci ma a modo loro, tanto che spesso il nipotino si trova più in imbarazzo che felice di averci a che fare. E questa è solo una piccola parentesi di quello che nasconde il romanzo di Fabio Genovesi, un libro che pare costruito da tanti racconti in cui la voce narrante di un bambino di sei anni coccola il lettore descrivendo i personaggi di questo libro proprio come i piccoli della sua età sanno fare. Aneddoti divertenti e semplici gesti, infatti, si trasformano in questo romanzo in una caccia al tesoro alle vere identità delle persone, un modo unico e speciale per conoscere gli adulti e il loro mondo, per capirne solo più tardi dinamiche e peculiarità.  È in questo universo, infatti, che le crisi per un lavoro che non si riescono a gestire diventano occasioni per passare più tempo con papà mentre la nostalgia per i vecchi tempi andati, dei racconti ad alta voce intorno a un fuoco.

Ma andava benissimo così, quando succedono le cose splendide va  bene sempre, anche se è solo un sogno. Basta non svegliarsi mai.

In Il mare dove non si tocca, poi, c’è anche tantissimo amore. Quello per un padre, una figura a tratti mitologica, che diventa un’ancora dove ormeggiare la nave della famiglia, sia nei periodi più felici sia in quelli più difficili. Perché il legame con la famiglia, con tutti i loro difetti, è ciò che sta alla base della comunità Mancini, un rapporto solido che si nasconde fra una battuta e l’altra, fra la capacità di affrontare determinate situazioni in un mondo fatto di tradizioni, quelle che caratterizzano un paesello tipico italiano da poche migliaia di anime. È in questo microcosmo che Fabio cresce e impara la solitudine, la necessità di condividere le proprie emozioni con chi è più simile a sé e dove soprattutto trova il coraggio di tuffarsi anche nel mare dove non si tocca, imparando ad affrontare le paure che spesso paiono più spaventose di quanto poi sono realmente.

Il romanzo di Fabio Genovesi è un romanzo di formazione con tante storie, tante quante le innumerevoli novità che giorno dopo giorno arricchiscono la vita di un bambino e, se si smette di crescere, anche quelle di un adulto ancora con la testa fra gli arcobaleni.

Qui la nostra recensione del precedente romanzo di Fabio Genovesi, Chi manda le onde.

(Nell’immagine in alto: Il mare dove non si tocca in analogico, nei dintorni di Buelna, fotografato qualche giorno precedente al primo tuffo nell’oceano di Nellie).