Una collezione da non perdere.

There is a dog that may be wandering around lost on the common. She is small black (and slightly brindle) staff. She doesn’t bite, is no danger to anyone, her name is Sasha.” cita questo piccolo libro nel retro della sua copertina. Una raccolta di poster di cani dispersi, sì, quelli generalmente fotocopiati tutti storti, scritti a mano e piuttosto tristi, selezionati sapientemente dai curatori Grimsrud e Showalter, due simpaticoni che come loro Manifesto affermano che lo esplicheranno non appena avranno idea di quale esso sia. Forti, no??  Non vedo l’ora di vedere la prossima pubblicazione con i lost cats!

Poverini pure quelli…