Potremmo sintetizzare l’articolo di oggi in un breve monito per il futuro: cose in cui abbiamo ingenuamente creduto. E no, non avremmo dovuto farlo.

C’è sempre quel prodotto nuovo, così attraente e innovativo, che in fondo sappiamo sarà una delusione tremenda, ma decidiamo di comprarlo comunque, perché c’è sempre una vocina che ci dice che potrebbe essere la volta giusta, che i soldi che stiamo spendendo sono un investimento per il futuro e che abbiamo risolto un problema con l’acquisto giusto. E invece no, non è vero. La vocina mente.

Abbiamo effettuato l’acquisto con l’entusiasmo alle stelle: come si fa a resistere ad un guanto per la depilazione? Zittita la nostra parte razionale, avevamo già immaginato di abbandonare cerette, epilatori, rasoi e di indottrinare tutte con la rivoluzione del guanto rimuovi peli.

BottegaVerde_Cosebelle_2

Il guanto in questione è prodotto da Bottega verde, un metodo alternativo per rimuovere i peli superflui di gambe, braccia e viso. C’è una parte in gomma sulla quale si applica un dischetto ruvido che va strofinato sulla parte da depilare con pelle rigorosamente asciutta e priva di lesioni. Bisogna procedere con movimenti circolari ed insistere un po’ lavorando sempre sulla pelle ben tesa, altrimenti vi procurerete solo fastidiose abrasioni. L’analogia più immediata per farvi capire il principio di questo guanto? La carta vetrata.

BottegaVerde_Cosebelle_3 BottegaVerde_Cosebelle_4 BottegaVerde_Cosebelle_5

Non è che il guanto non funzioni, fa il suo lavoro, ma lo fa in maniera talmente lenta e faticosa che vi ritrovate incredule a rimpiangere la ceretta fai da tè. Assolutamente vietato nel caso di pelle molto delicata, mai sul viso; vi ritroverete a strofinare furiosamente togliendo solo piccole aree di peli e per completare un sgamba intera probabilmente ci vorrà una giornata intera e bicipiti allenati.

Ma il merito c’è: se usato con la giusta pressione lascia davvero la pelle liscia, poi basta solo passare un po’ di crema idratante. Se non fosse per la fatica da fare per piccole aree e la necessità di mantenere la pelle tesa come un tamburo quasi quasi non ci saremmo rimaste poi così male.

Guanto, oh guanto, perché non hai funzionato?