cosebelle_12

Illustrazione di Eleonora Arosio per Cosebelle Mag

IL MIO NATALE LOW COST: un regalo entro i 1o euro

citix60_cosebelle

L’immenso archivio di Cosebelle mi ha aiutata per almeno uno dei regali low cost di quest’anno: vi ricordate questo post di Giulia?! Io ho decisamente un debole per le mappe illustrate, le guide meno banali e i suggerimenti degli insider alle città che sto per visitare. Ci aggiungo il fatto che non resisto al bisogno di evadere dall’Italia almeno ogni 2 o 3 mesi ed ecco che le city guide CITIx60 sono l’oggetto perfetto da regalarmi (e da regalare alle mie compagne di viaggio per convincerle che è ora di prenotare un altro volo).

IL MIO NATALE LOW COST: un regalo entro i 30 euro

fenella smith_cosebelle

Per non scadere nella banalità di una semplice tazza, ne scelgo una realizzata da Fenella Smith, che realizza in Inghilterra ceramiche e tessuti evocativi di quella che lei stessa descrive come “una bellissima ed eccentrica infanzia”.

Tazze, caraffe, ciotole per i vostri animali e piatti decorati con tante razze di cani ed altri animali. Io proverò a decidere se preferisco la volpe o il fenicottero.

IL MIO FILM DEL 2014: La vita segreta di Walter Mitty

walter mitty_cosebelle

E’ stato semplice individuare il film che più mi ha colpita quest’anno: complice l’accumularsi di quasi una decina di serie da seguire, i film che ho visto quest’anno purtroppo si contano sulle dita di due mani. I sogni segreti di Walter Mitty  mi ha fatto brillare gli occhi alla vista dell’Islanda quando già sapevo che sarebbe stata la meta delle mie vacanze estive, e ha poi lievemente curato la malinconia che mi è crollata addosso nei mesi successivi al ritorno.

 IL MIO 2014 IN UN’IMMAGINE

IMG_9375 copia

Jökulsarlon, Islanda. Foto di Giada Zampieri

Non posso che scegliere tra le foto scattate in Islanda, una terra ed un viaggio che ho atteso con tanto desiderio e curiosità dove mi sono ritrovata completamente a bocca aperta, in totale ammirazione di ogni granello di sabbia, vulcano, iceberg e soffio di vento. In particolare questa foto ritrae il posto in cui, dovendo scegliere, mi vorrei teletrasportare: a Jökulsarlon vedi gli iceberg scivolare lontano verso il mare, rompersi in mille pezzi e se sei particolarmente fortunato vedi anche le foche. E’ un posto dove regna un silenzio che non ho mai sentito prima, quel tipo di silenzio che ti urla dentro e ti chiede di riflettere. L’Islanda è stata la conferma di ciò che speravo di trovare: un luogo del cuore, dove lo stupore è il protagonista, gli occhi si riempiono di nuovi colori e la curiosità nei confronti della natura cresce di giorno in giorno.