I libri della redazione di Cosebelle magazine. Una short list di consigli per regali, autoregali, letture e riletture.

idee regalo natale 2017 libri cosebelle pamela cocconi

Illustrazione di Pamela Cocconi

Teresa Bellemo 
Heather, più di tutto” di Matthew Weiner, Einaudi
Un libro per un pomeriggio. Metti uno di quei pomeriggi di festa che hai già finito gli avanzi, hai salutato i parenti e l’unica cosa che resta è un liberatorio divano. Il primo romanzo di Weiner, il creatore di una delle serie più amate e belle, Mad Men (tanto vale che in quel divano la recuperiate), è il compagno perfetto. Breve, asciutto come l’abstract di una mini serie dovrebbe essere, mette una lente d’ingrandimento su una famiglia abbiente newyorkese, nata per ovvietà e perpetrata per abitudine, dove al centro di tutto c’è l’amore per la figlia Heather. Collante, divisiva, ossessione, invidiata, indifferente. Mentre gli altri non sono o non hanno nulla, lei concentra tutto e spinge questo breve romanzo in un vertigo di emozioni e vergogne che fanno alzare lo sguardo soltanto a pagina 109.

Bianca Ferrari
Una storia del mondo in 10 capitoli e 1/2” di Julian Barnes, Einaudi
Un libro senza tempo. La mia teoria è che il Natale sia un periodo un po’ strano in cui si regalano soprattutto libri senza tempo: e questo è il caso di questa storia. La storia del mondo parte e finisce con il viaggio dell’arca di Noè, ma in tutti i tratti c’è immaginazione, fantasia e assurdo. Un viaggio attraverso dettagli di passato, presente e futuro, alcuni perfino probabili ma in ogni capitolo vi rendete conto che sono completamente reinventati. Ogni pezzo della storia viene visto con personaggi di cui nessuno vi aveva mai parlato: astronauti, vescovi della Francia medievale e anche l’unico unicorno presente sull’arca di Noè. Libro da coperta e divano, per ridere, immaginare cose impossibili e poi tornare nel mondo reale.

Giulia Ficicchia
Il giardino dei colori” di Gertrude Jekyll, Elliott editore
Un libro per me. Mi piacerebbe concludere questo 2017 con numerosi titoli per approfondire una certa passione floreale che galoppa da diversi mesi tra le mie fantasie di una vita immersa nel verde: in particolare “Il giardino dei colori” di Gertrude Jekyll, edito da Elliott, e “Botanica per giardinieri. L’arte e la scienza del giardinaggio spiegate e raccontate” di Geoff Hodge. Chi volesse aggiungervi anche una pianta/fiore per i primi esperimenti è sempre ben accetto!

libri natale

Elisa Sola
Bread is gold. di Massimo Bottura and friends, Phaidon editore
Un libro per mamma. Un libro di ricette a Natale, di ricette e di chef stellati. Massimo Bottura e Daniel Humm, Mario Batali, René Redzepi, Virgilio Martínez e altri. Un libro di piatti che possono essere preparati ovunque e da chiunque, con ingredienti normali (economici anche). Sotto traccia, l’idea che dal cibo, dal nostro modo di usarlo, non sprecarlo, condividerlo, possa nascere qualcosa di bello.
Non sarà solo per me, ma anche per la mia mamma che sa aggiungere un po’ di luce e di sostanza ovunque.

Nellie Airoldi
Giorni selvaggi” di William Finnegan, 66thand2nd editore
Un libro per me. Ogni anno aspetto Natale soprattutto per leggere quei libri pesanti che non posso portare a spasso sui mezzi pubblici. Romanzi di centinaia di pagine che posso divorare in pochi giorni sul divano coccolata da cibo e affetto fatto di parole e capitoli. Per questo 25 dicembre ho deciso che leggerò Giorni Selvaggi di William Finnegan, un’autobiografia che Barack Obama ha definito splendida e in cui voglio tuffarmi perché ho una voglia folle di tornare fra le onde dell’Oceano conosciuto quest’estate. Inutile dire, poi, che è tanto bello sognare di poter stare in piedi fra le onde, un giorno.

Mariachiara Tirinzoni
Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estes, Pickwick
Un libro che finirò durante le feste e qualche regalo. Continuerò a rileggere Donne che corrono con i lupi non per quello di cui parla ma per gli strumenti che usa per parlarne: le storie dell’infanzia su cui sto lavorando. Regalerò invece dei piccoli libri gioiello scoperti al Salone di Montreuil: quelli di Jacques Benoît, autore editore illustratore e chissà cos’altro, che pubblica piccole esplosioni di una mente brillante e lontana dalle etichette. Tra i miei preferiti “Play by ear” che interpreta visivamente gli andamenti musicali e “Vivre (un poème pour)”, un giardino di colori che regalerò a una cara amica.

Clara Ramazzotti
L’ospite d’onore” di Joy Williams, Edizioni Blackcoffee
Un libro che mi hanno regalato. Davanti a molto vino rosso, per acclimatarsi al Natale, un’amica mi regala “L’ospite d’onore” appena pubblicato da Edizioni Blackcoffee. Pensateci soprattutto se vi stracciate le vesti per DeLillo o citate a memoria “Le regole dell’attrazione”. Godetevi questi 46 racconti, tra inediti e non, dove la Williams non lascia sconti: fatevi travolgere, dondolate tra i suoi temi solo apparentemente domestici. Leggerete capitoli totalmente non convenzionali sulla maternità, sul rapporto con le altre donne, sul sesso e, ovviamente, sull’America e i suoi luoghi paradossali, con le casette preconfezionate come fossero merendine.

Lucia Ceccolini
Cigni selvatici” di Jung Chang, TEA
Un libro per un’amica. Regalerò Cigni Selvatici di Jung Chang alla mia amica d’infanzia, una di quelle – poche! – che vedi ogni sei mesi, ma quando ci parli sembra che l’ultima volta vi siate viste due giorni prima. È la storia (disperatamente vera) di tre donne nella Cina post-imperiale e poi maoista, ovvero la nonna dell’autrice, la madre e l’autrice stessa. Ognuna combatte contro la storia: chi contro la tradizione e le apparenze, chi per l’ideologia, chi contro l’ignoranza, il potere e l’ingiustizia, chi per proteggere la propria famiglia. Una narrazione che ti cattura e ti trascina per 60 anni di storia cinese.

Lavinia Francia
No Is Not Enough: Defeating the New Shock Politics” di Naomi Klein
Un libro per il tanto tempo di Natale. Mi prenderò qualche giorno per leggere “No is not enough” di Naomi Klein, già autrice del celeberrimo “No Logo” in cui sintetizzava i principi della società che ha fatto di ogni cosa un brand. Qui Klein esplora tecniche e strategie di quelle che chiama le “Shock Politics”, o meglio le inspiegabili ascese al potere di icone totalitarie e totalizzanti, a partire da Trump. In un mondo che vuole dividersi tra vincitori e perdenti, la vera rivoluzione sarà proprio quella di stare tra i perdenti; quelli che sceglieranno di prendersi cura dell’ambiente, degli altri, del futuro.

libri natalizi

Carlotta Favaron
L’atlante delle fiabe” di Claudia Bordin, White Star edizioni
Un libro da regalare a una bambina. E se le fiabe più classiche fossero rappresentate attraverso delle mappe? Ho trovato quest’idea bellissima e ho deciso di regalare L’Atlante delle Fiabe alla bambina di una cara amica. Può piacere a tutti perché con 8 racconti classici della nostra tradizione, illustrati in modo delicato e unico dalla bravissima Claudia Bordin, racconta le fiabe in una forma moderna grazie a delle mappe dallo stile dolce e naif. Un nuovo modo per conoscere i protagonisti della fiabe, che proprio grazie alle mappe, possono essere guidati attraverso la loro storia oppure possono diventare i protagonisti di nuove avventure.

Alessandra Quintavalla
La Cotogna di Istanbul di Paolo Rumiz, Feltrinelli
Un libro teatrale. L’avevo visto sul tavolo della cucina di A. e tra le pagine avevo notato i suoi appunti. Mi ha poi spiegato che gli hanno commissionato uno spettacolo, ecco perché era lì, tutto scritto. Il punto è che quando sento storie d’Oriente, come quella che racconta Rumiz, mi succede qualcosa di strano. Bosnia, Erzegovina, Istanbul: luoghi lontani che mi affascinano tanto. Sento passione per ciò che la loro cultura vede grande. Il profumo del caffè, del tè nero, del bucato, quello delle mele cotogne posate dentro una cassapanca di legno. La musica che scappa da milonghe nascoste. Certe parole hanno la capacità di accoppiarsi e partorire poesia. Una ballata da leggere ad alta voce.