David Garcia Studio.

Nel bel mezzo della ricerca del più efficace metodo per trasportare 10 anni di libri e carte stipate in un appartamento romano, mi sono imbattuta in www.davidgarciastudio.com. Si tratta di uno studio danese che sta realizzando una stimolante indagine sullo spazio, i libri e le loro reciproche relazioni con gli uomini. Questa spinta teorica è alla base degli “Archivi”, una sperimentazione di cui attualmente esistono quattro declinazioni (tra queste, è ai modelli con i numeri pari che va riconosciuta, a mio avviso, una maggiore validità).

Archive I

Una sedia ed una classica libreria sono poste alle due estremità di un’asta: la prima reagisce al numero dei libri disposti sugli scaffali innalzandosi. Simbolicamente: chi più legge, più si eleva.

Archive II

Gira (con) la ruota dei libri, fermati al suo interno, leggi e riparti. Ecco la proposta per il collezionista di libri nomade: anziché sopportare il peso di libri compressi in scatoloni di cartone, passeggia direttamente con mezza tonnellata di volumi. Archive II è nel contempo biblioteca ambulante, metodo di trasporto e uno spazio semi-privato di lettura.

Archive III

Si tratta di una sorta di leggio in legno (appena visibile sul lato destro della seconda immagine) nel quale sono disposti dei libri che si chiudono improvvisamente quando qualcuno ci si avvicina: siamo di fronte ad una forma di autocensura del libro stesso verso il suo fruitore?

Archive IV

I piedi in basso e le teste in alto. Ecco cosa rivela di sé all’esterno questa quarta proposta, presentata, in associazione ad Archive II, per il festival Notch 09. Archive IV amplia ulteriormente il concetto di archiviazione in scala ridotta: si tratta di un cilindro di legno di diametro 3 metri per 3,5 metri di altezza appeso al soffitto. Al suo interno ospita diverse funzioni che da fuori non vengono dichiarate: è un posto in cui stare, in cui nascondersi, tramite il filtro delle pareti, per il tempo di una lettura o di una sosta. La scaletta di corda interna, consente il passaggio al livello superiore dal quale ci si affaccia e fa notare.

Teneteli sott’occhio qui: www.davidgarciastudio.com www.MAP.davidgarciastudio.com