Correva l’anno 2005 quando nasceva per la prima volta “Meet The Media Guru”, una piattaforma di incontri con i protagonisti internazionali della cultura digitale pensata per individuare, analizzare e discutere i trend del futuro, diventato nel tempo un riferimento per il dibattito su new media, cultura digitale e innovazione .
In occasione dei suoi 10 anni, quest’anno, MTMG offre una Special Edition lunga 20 giorni alla città di Milano: un programma pensato per disegnare come vogliamo vivere, lavorare, innovare da qui ai prossimi 10 anni e disegnare insieme gli stili di vita futuri, un progetto realizzato da Meet the Media Guru e dall’Istituto Without Boundaries di Toronto.

GeekPulse_meetthemediaguru_cosebelle_00
Dal 10 al 30 giugno 2015, Meet the Media Guru festeggia così il decennale con la Meet the Media Guru Special Edition che si articola intorno al grande fil rouge Future ways of living: tre settimane di riferimento per gli innovatori a Milano nel periodo di Expo, un’occasione di confronto e di approfondimento anche per un pubblico trasversale composto da professionisti, imprenditori, studenti e semplici “curiosi del futuro”, tutti invitati a partecipare per disegnare insieme i nostri prossimi 10 anni.

Nelle due giornate di giovedì 11 e venerdì 12 giugno prenderanno forma i “Guru Days”: più di quindici “Guru”, ospiti del passato degli incontri Meet the Media Guru, torneranno a Milano per una no-stop di due giorni, momenti di confronto e scambio di idee per disegnare gli scenari futuri dell’innovazione. Le due giornate di incontri, dalle 15.30 alle 22.00, aperte a tutti (con ingresso gratuito – registrazione obbligatoria on line) con i protagonisti internazionali della cultura digitale hanno l’obiettivo di tracciare scenari e traiettorie su come vivremo il nostro futuro.
Alla Mediateca di Santa Teresa si susseguiranno gli speech, introdotti e moderati da Maria Grazia Mattei, dei più noti esperti dell’innovazione e della cultura digitale nei vari ambiti:

privacy e trasparenza (Lawrence Lessig, Foteini Agrafioti, Giovanni Ziccardi), nuovi scenari della comunicazione (Derrick De Kerckhove), design della complessità (Donald Norman), design e nuovi linguaggi (Paola Antonelli, Freddy Paul Grunert, Mark Rolston), smart cities (Carlo Ratti, Luigi Ferrara), realtà aumentata (Keiichi Matsuda), health&wellbeing (Thomas Sutton), robotica (Emanuele Micheli), geografia emozionale (Giuliana Bruno), virtual economy (Patricia De Vries), media arts (Luc Courchesne), arte e droni (Marcus Wendt), sviluppi futuri della Rete (Karan Singh).

I due Guru Days saranno fonte di ispirazione e lavoreranno in forte sinergia con la Charrette, un laboratorio internazionale partecipato, che si terrà sempre alla Mediateca Santa Teresa: un living lab internazionale e partecipativo rivolto a 60 selezionati professionisti, ricercatori, professionisti e studenti provenienti dall’Italia e dal Mondo che lavoreranno, nelle tre settimane di attività (dal 10 al 30 giugno) allo sviluppo di idee innovative e di prototipi, a partire dalla sperimentazione diretta e attiva di nuovi modi di pensare e di vivere anche lo spazio urbano. Un processo intensivo e collaborativo, condotto dall’Institute Without Boundaries di Toronto diretto dal professor Luigi Ferrara – Istituto specializzato nella ricerca di progetti innovativi in campo sociale, economico ed ecologico – intorno a sei importanti temi: l’energia, l’educazione, la mobilità, la salute e il benessere, la comunicazione e l’alimentazione.

Qui tutte le info.