Oggi non parliamo di un’app ma di alcune delle startup italiane presenti al CES 2015 appena concluso a Las Vegas. Tra gli stand presenti quest’anno, infatti, 12 erano italiani.

GeekPulseCes_cosebelle_05

Iniziamo da Easydom, premiata al Ces da un Innovation Award, e pensata per semplificarci la vita in casa.
Easydom ha ricevuto il premio per il suo software in grado di fare da centro di controllo ad alcuni oggetti della casa come lampadine, tapparelle, porte, termostati, allarmi, videosorveglianza, elettrodomestici, impianti audio multi-stanza e così via. Ognuno di questi “oggetti intelligenti” ha una vita propria, con la possibilità di controllo tramite app, che vi permette di fare un check della casa quando volete.

GeekPulseCes_cosebelle_00

GeekPulseCes_cosebelle_01

Un’altra startup pensata per la vita domestica é Smart Qsine di Uriel Perugia.
È un sistema smart, formato da un’app e da delle bilance, che controllano la quantità di cibo e bevande presenti in frigo, cosi da avvisarti quando è il momento di ricomprarli, evitando la scoperta mattutina che in frigo è finito il latte.

Per una casa ancora piú easy e controllabile dal proprio polso c’é Hiris, un braccialetto capace di decifrare i movimenti del corpo e tradurli in comandi da associare a delle azioni. Può controllare le luci di casa o i termosifoni, tutto solo muovendo il polso.
Il 20 gennaio partirà su Indiegogo una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi per la produzione. Per i sostenitori iniziali su Indiegogo costerà 149 euro, mentre in futuro il suo prezzo sarà di 179 euro.

GeekPulseCes_cosebelle_03

FitBark invece è la startup nata per tenere sotto controllo la salute del cagnolino di casa, pensata dai fratelli Rossi. È un piccolo “Dog activity monitor” da attaccare al collare per saperne di più in ogni momento.

GeekPulseCes_cosebelle_04

Il 2015 si preannuncia un anno sicuramente molto geek! 🙂

___

GEEK PULSE è solo su Cosebelle Mag: qui!