cosebelle-geekpulse-jawboneup-03

UP
non è il primo accessorio che consente di tracckare parte della nostra vita e di organizzarla e gestirla al meglio, ma è il primo che unisce tutte le funzionalità che esistevano sul mercato in un unico bracciale. Dopo una partenza decisamente in salita – i primi sono stati rimborsati completamente per vari difetti tecnici, dalla batteria che cessava di vivere dopo la prima settimana alle infiltrazioni d’acqua – la nuova versione che Jawbone ha messo in commercio pare invece priva di ogni difetto; testato ormai da moltissimi, passa sempre l’esame a pieni voti.

cosebelle-geekpulse-jawboneup-02

Cos’è: di fatto, è un braccialetto. Disponibile in più colori e in più misure, va tenuto il più possibile al polso – soprattutto di notte – per raccogliere il maggior numero di dati. Cosa farci con tutti questi dati? La funzionalità più importante è quella della vibrazione: Up vibrerà per svegliarci nel momento più idoneo, seguendo le nostre curve di sonno, e vibrerà durante la nostra giornata se siamo troppo inattivi per dirci di andare a fare due passi, e con questo abbiamo risolto due grandi mali delle nostre vite. Per gli amanti dei pisolini pomeridiani, regolerà anche il tempo ottimale per svegliarsi completamente rigenerati (che è di circa 26,5 minuti). La sincronizzazione con lo smartphone, che sia Apple o Android, permetterà poi di tenere traccia di tutte le nostre abitudini: l’attività fisica, l’umore, il cibo che mangiamo (scannerizzando anche i codici a barre). Tutto questo viene poi combinato per farci scoprire le connessioni: magari mangiando carboidrati la sera prima il giorno dopo ci sentiamo irritabili, o facendo più attività fisica siamo più riposati il giorno dopo; cose comprensibili, ma che non sempre abbiamo il tempo di comprendere senza fare un’analisi dettagliata delle nostre vite.

L’unica pecca è la mancanza del collegamento bluetooth o wireless: per sincronizzarlo, il braccialetto va tolto e connesso fisicamente allo smartphone. Ma questa pecca porta invece a un grandissimo pro: un’autonomia di più di 10 giorni, imbattibile dagli altri prodotti attualmente sul mercato. Ed infine, il prezzo: 129€, decisamente onesto.

Photo: Ariel Zambelich/Wired