Since May 26, 2009 you have read a total of 300,000+ items.

cosebelle-geekpulse-reader-01

Come dicevamo la scorsa settimana, è ormai ufficiale che dal 1 luglio saremo tutti orfani di Google Reader. Angelica vi ha già parlato di alcune alternative, quelle un po’ più accattivanti graficamente, ma più lontane dall’originale. Io invece sono stabile, abitudinaria, tradizionalista. A me non piace cambiare, specie se con una cosa mi trovo benissimo, quindi il mio compito oggi è quello di provare a dirvi come continuare a fare quello che facevate con il Google Reader, con meno traumi possibili. Non è stato per niente facile, preparatevi ad un po’ di stroncature.

Specifico che la mia ricerca si è basata sui migliori reader per web, senza concentrarmi sulle app, perché esattamente all’opposto di Angelica (che la scorsa settimana diceva di leggere i feed principalmente dal telefono, durante i viaggi in treno da e per il lavoro), per quanto mi riguarda leggere i feed è un’attività che faccio al 99% da pc.

Taptu

cosebelle_geekpulse_reader_taptu

Sulla carta doveva essere un buon candidato. Con i suoi tempi (non lunghissimi) importa i feed da Google Reader, e la modalità di visualizzazione è piuttosto personalizzabile. Solo che i feed li importa come dice lui, le cartelle in cui erano divisi prima non vengono rispettate, l’interfaccia è poco intuitiva; se a prima vista non riesco a capire come fare per sistemare le cose e dove andare a trovare le cose che ho importato (nella colonna vedo solo cinque nomi di cinque Tumblr che seguo, che mi dici degli altri 317 feed importati?), vuol dire che non è fatto abbastanza bene. Per me è NO.

Newsblur

cosebelle_geekpulse_reader_newsblur

Newsblur mi ha illusa. Oggettivamente bruttino, ma dalla demo prima della registrazione sembrava essere essenziale e funzionale come era il Google Reader, con la possibilità di scrollare i  post uno dopo l’altro segnandoli automaticamente come già letti. Felicissima, vado per registrarmi e scopro con orrore che le iscrizioni free erano al momento sospese (evidentemente a causa del grande esodo in atto dalla notizia della chiusura di Google Reader verso tutte le alternative disponibili), ed erano attive solo quelle a pagamento per 24$ l’anno. Per questo lo avevo bocciato all’istante. A distanza di qualche giorno vedo che hanno modificato i termini, e le iscrizioni free sono riaperte, ma con un limite di 64 feed al massimo. Che numero bislacco, non 50 né 100, ma 64. Se vi bastano e volete un reader molto essenziale, andate pure. Google dice che le mie subscriptions sono 322; anche facendo le pulizie di primavera e con tutta la buona volontà, per me è NO.

The Old Reader

cosebelle_geekpulse_reader_theoldreader (1)

Quando mi sono iscritta, il 20 marzo, le importazioni sono state messe in coda. “There are 47264 users in the import queue ahead of you”. Dopo una settimana non sono ancora riuscita a vedere come importa i miei feed, perché “There are 15414 users in the import queue ahead of you”. Il mio giudizio sulle importazioni quindi è sospeso, anche se la domanda che mi pongo è comunque motivata: anche tutti gli altri reader hanno subito l’invasione degli orfani di Google Reader, perché soltanto questo ci mette più di una settimana per importare i miei feed? Tutti gli altri ci hanno messo un tempo variabile tra pochi secondi e un paio d’ore al massimo. Perché tu, caro Old Reader, sei così lento? Varrai la pena di aspettare? Forse sì. Facendo qualche prova importando feed a caso, esteticamente e come tipo di funzionalità è praticamente identico al caro vecchio Google Reader; The Old Reader ne fa dichiaratamente il suo punto di forza, e vista la coda per le importazioni, credo che stia funzionando. Non hanno ancora delle app per le piattaforme mobili, ma state certi che arriveranno molto presto. In generale, SI sulla fiducia, nonostante la lentezza a importare.

Goodnoows

cosebelle_geekpulse_reader_GoodNoows

Ben fatto, facilmente personalizzabile, importa da Google Reader piuttosto rapidamente e mantiene l’organizzazione in cartelle originale; a volte mi è sembrato un po’ lento a caricare i contenuti ma potrebbe essere un problema temporaneo; ha ben 12 stili di visualizzazione diversi da applicare ai feed, ma neanche uno come come il flusso di Google Reader. Se per voi questo non è un problema, potete provarlo. Anche in questo caso, app non pervenute. Responso: FORSE.

Netvibes / Bloglines

cosebelle_geekpulse_reader_Netvibes

Dopo una giornata intera passata a testare reader RSS a destra e a manca, finalmente una boccata di ossigeno. Ho provato prima Bloglines, e ne ero molto soddisfatta se non fosse che, non so bene per quale motivo, cliccando qua e là per i feed mi dava un problema grafico (la barra di stato in basso, quella con i credits,  mi si alzava fino a metà schermo. Immenso fastidio). Leggendo meglio scopro che Bloglines è “powered by Netvibes”, che nel nostro caso significa proprio che Bloglines e Netvibes sono identici, e Netvibes non presenta quel brutto problema che ho avuto con la grafica. Per ora per quanto mi riguarda è il migliore: importa tutti i feed in un batter d’occhio mantenendo le cartelle originali, ha la possibilità di scorrere tutti gli articoli esattamente come il vecchio Google Reader, ha anche una modalità “widget” niente male per chi vuole un tipo di visualizzazione diversa. Può anche personalizzato scegliendo tra un’infinità di colori e temi disponibili. Siccome nessuno è perfetto, ha una versione mobile ma non le app, e probabilmente non le avrà mai. Se per voi questo non è un problema, per me è finalmente un grosso SI.