La Wearable Technology, cioè la mania di infilare sensori elettronici nei vestiti e negli accessori di tutti i giorni sta dilagando già da un po’. Abbiamo occhiali a raggi X, braccialetti che ti avvertono se stai bene, reggiseni che ti dicono se sei stressata, calzini sensibili e orologi parlanti.
Questa volta la designer Lesia Trubat González ha pensato di vestire la danza con un po’ di tecnologia, mettendo a punto E-Traces.

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_00

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_01
E-Traces è un sistema composto da sensori applicati sulle scarpette da ballo che grazie alla tecnologia Lilypad Arduino, trasforma tutti i loro passi di danza in “tracce digitali”, come dei disegni, unendo così la danza alla pittura digitale.

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_04

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_06

E-TRACES, memories of dance from Lesia Trubat on Vimeo.
Tramite un’ app ogni utente ha la facoltà di selezionare alcune impostazioni di base (come ad esempio la tipologia del tratto) e personalizzare la propria opera digitale.

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_03

GeekPulsedanzaewearabletechnology_cosebelle_05

Ogni ballerino creerà così la propria personale ed unica opera d’arte, in base alle caratteristiche della propria danza. Qualcuno sarà più sinuoso nel tratto, qualcun altro più lineare, qualcun altro ancora rapido e netto, come dei veri pittori.
Voi che tratto avete? Tutti a fare le prove allo specchio!