Kickstarter è stata effettivamente la rivoluzione web del 2012, e non accenna a smettere, sfornando ogni giorno progetti sempre più degni di nota. Questa volta è il turno di 3Doodler, la penna per scarabocchiare, come facciamo tutti i giorni su migliaia di foglietti, ma in 3d. Partiamo con un po’ di numeri: il progetto chiedeva 30.000$ per partire e ne ha incassati quasi 2 milioni in meno di un mese; alla fine del prossimo mese vedrà quindi la luce, e sarà una luce decisamente ricca. I padri del progetto sono Peter e Maxwell, entrambi esperti di robotica, che fondano una “piccola compagnia ma con grandi idee”. Presentano il loro progetto con la frase “è una penna che può disegnare nell’aria!” ed è presto detto, la 3Doodler fa esattamente questo:

Cosa si può fare con 3Doodler? Talmente tante cose che si fatica a immaginarsi da dove iniziare! Si può… disegnare, semplicemente, su un foglio da cui staccare poi il nostro disegno e metterlo dove vogliamo, si può disegnare direttamente nell’aria o si possono creare parti separate pronte per essere assemblate in 3d, come questa Tourre Eiffel:

cosebelle-geekpulse-3doddler-1
Si possono realizzare gioielli, decorazioni per la casa, animaletti da arredamento o possiamo semplicemente decorarci l’iphone!

cosebelle-geekpulse-3doddler-3

Tutto questo avviene grazie all’inchiostro, la stessa plastica usata dalle stampanti 3d, che esce ad alta temperatura dalla penna opportunamente collegata ad una presa di corrente e si raffredda all’istante, permettendoci di continuare a disegnare sviluppando in altezza. Questo inchiostro è molto comune, reperibile in tanti colori e soprattutto rende moltissimo, praticamente il 1000%: da 10 centimetri di plastica, possiamo disegnare per un metro! Il brevetto depositato, l’innovazione più grande, è il sistema di raffreddamento istantaneo che permette alla costruzione di stare in aria. In attesa qundi di vedere le prime 3Doodler in commercio – e non dovremo aspettare molto! – possiamo cominciare a pensare cosa farne 😉