alcea

 Illustrazioni di Giorgia Bressan.

L’ Alcea detta anche Malvarosa o più comunemente Malvone è una pianta perenne di origine cinese della famiglia delle Malvaceae. Nonostante non sia poi così diffusa, è una pianta molto adatta al clima mediterraneo. Se vi è capitato di incontrarla, di certo ve la ricorderete: i suoi fiori sono belli da togliere il fiato! Questa pianta può raggiungere i 2,5 mt di altezza e lungo tutto il suo fusto sviluppa degli enormi fiori simili a quelli delle Peonie o dell’Hibiscus. Oltre alla sua indiscutibile bellezza, l’Alcea vanta inoltre numerose proprietà fitoterapiche, e alcuni studi dimostrano che si comporta come depuratore biologico per i terreni contaminati da metalli pesanti.

alcea1

I bellissimi fiori dell’Alcea nascono solitamente in giugno e vi accompagneranno fino all’autunno. La corolla dei  fiori, larga circa 10 cm,  è formata da 5 petali il cui colore varia dal bianco-crema al giallo, dal rosa tenue al rosso porpora fino ad arrivare ad incredibili tonalità del viola-nero. Vi sono alcune bellissime varietà con corolla composta da tantissimi petali i quali fiori ricordano il Garofano.

alcea2

L’Alcea necessita di terreno ben drenato, esposizione in pieno sole, innaffiature sporadiche, e si accontenta addirittura delle sole piogge. Allo stato selvatico la pianta vive infatti anche in condizioni estreme, ai bordi delle strade e nei terreni aridi. Teme l’umidita’ ed è consigliabile eliminare le foglie più vicino al terreno per evitare malattie fungine. Ai primi freddi invernali i fusti si disseccano e la pianta si riduce ad un cespuglio sempreverde di 20-30 cm.

alcea3

L’Alcea si moltiplica per seme e per divisione dei tuberi. La semina avviene in semenzaio nel periodo aprile-giugno, interrando i semi a 10 cm di profondità. La germinazione avviene in tempi brevissimi e senza accorgimenti particolari: sarà sufficiente mantenere il terriccio umido  e ,dopo la nascita delle prime foglioline, diradare le innaffiature. Le nuove piante potranno regalarvi un effetto sorpresa: ognuna potrebbe avere un colore diverso dalla pianta madre, data la facilità con la quale la pianta si autoibrida!

La Rete degli Orti botanici della Lombardia ha inserito anche il Malvone tra le varietà protagoniste dell’iniziativa Adotta un seme. Lo scopo è salvaguardare la biodiversità del pianeta, tutelare e conservare il patrimonio vegetale dei nostri Orti botanici ed in particolare 10 specie molto importanti per bellezza, proprietà curative, rilevanza scientifica o rischio d’estinzione. Per la festa della donna, una buona idea potrebbe essere quella di regalare una bustina di semi da coltivare (che arriverà completa di certificato di adozione e delle indicazioni per come farli germogliare) scegliendo dal catalogo del portale della Rete degli Orti botanici della Lombardia. A nostro avviso questa è un’idea regalo preferibile perchè ecosostenibile, per il nobile scopo e perchè dura di più di un mazzetto di Mimose.