gardenink_Kalanchoe_dicembre1

Il genere delle Kalanchoe, appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, racchiude oltre 150 specie ed è originario del continente africano. Le Kalnchoe vivono in zone molto aride, infatti le loro caratteristiche foglie succulente hanno bisogno di poca acqua e amano i climi miti. In Italia si possono tenere in casa oppure in giardino o terrazzo, anche se all’esterno sarà preferibile coprirle d’inverno ponendole in una zona ben riparata o all’interno di una comune serra. La temperatura, per loro, non dovrebbe mai scendere sotto i -7°C. In primavera/estate vivono bene all’esterno, purché protette dai raggi diretti del sole.

gardenink_Kalanchoe_dicembre2

Le Kalanchoe sono alcune tra le piante più diffuse, belle e facili da curare tra quelle che fioriscono in inverno, quindi sono molto indicate come regalo natalizio. Si acquistano in fiore (o con i boccioli pronti ad aprirsi) e la fioritura dura in genere fino a due mesi! I colori dei fiori vanno dal bianco al giallo, con bellissime sfumature color pesca, arancio e rosso/fucsia. Insomma, ce n’è per tutti i gusti!

gardenink_Kalanchoe_dicembre3

La Kalanchoe Blossfeldiana è la specie più diffusa e conosciuta in Italia. Queste piante hanno foglie carnose, verde lucente, coi bordi più scuri o leggermente tendenti al rosso, di solito ondulati. I fiori possono avere i petali arrotondati oppure a punta, sono sempre molto minuti eppure di grande effetto anche perché la pianta produce continuamente innumerevoli boccioli. La temperatura ideale per favorire la fioritura della pianta è intorno ai 15°C.

gardenink_Kalanchoe_dicembre4

Il terreno di queste piante va generalmente innaffiato pochissimo d’inverno mentre in primavera si può gradualmente aumentare l’apporto d’acqua, considerando comunque che il buon drenaggio del terreno è molto importante: l’acqua non deve mai ristagnare. Per chi le coltivasse in casa sarà sufficiente tastare il terreno ed innaffiarlo con poca acqua quando è ben secco. Come per ogni altra specie, sarà importante non cambiare in modo drastico la posizione del vaso ma cercare di “abituare” la pianta al cambio di temperatura e all’ambiente interno/esterno.