Traduzione Libera.

Dopo nove anni di esistenza, frutto delle idee di Eliana Finkelstein ed Eduardo Brandão, la “Galeria Vermelho” si è affermata come uno dei punti principali della creazione e diffusione dell’arte contemporanea in Brasile. Più che un semplice spazio espositivo, la “Vermelho” come é normalmente chiamata, catalizza quello che é più recente e innovativo nella arte contemporanea e nasce come alternativa alla rigidità degli spazi commerciali dedicati all’arte, incoraggiando nuove idee e nuovi discorsi sviluppati da artisti emergenti o professionisti.

La collettiva “Traduzione Libera” presenta opere che, in modi diversi, con procedure analoghe a quelle utilizzate per libri, cataloghi, enciclopedie, come aforismi, citazioni, note, letture e riletture, traduzioni e articoli.  Esistono diversi modi di rappresentare o tradurre il linguaggio scritto della forma più libera possibile, l’arte.  La Mostra conta i lavori di Dora Longo Bahia, Leya Mira Brander, Chelpa Ferro, Detanico Lain, Odires Laszlo, João Loureiro, Fabio Morais, Rosângela Rennó, Dias & Riedweg, Marco Paulo Rolla, Daniel Senise, Ana Maria Tavares and Carla Zaccagnini.

GALERIA VERMELHO

Rua Minas Gerais, 350 – Higienópilias

São Paulo, Brasile

www.galeriavermelho.com.br