Guida primaverile per cacciatrici di pulci berlinesi.

Con l’arrivo della primavera a Berlino spuntano come funghi in giro per la città i mercatini delle pulci. Ce n’è davvero uno almeno per ogni quartiere: Boxhagener Platz in Friedrichshain, Fehrbelliner Platz vicino a Charlottenburg, Arkonaplatz a Prenzlauerberg o il mercato dell’antiquariato di Ostbahnhof.

La quintessenza del mercato della cianfrusaglia però, il Trödelmarkt per eccellenza, il punto di ritrovo di innumerevoli domeniche – per altro uno dei pochi che arriva a sfidare le rigidità invernali restando aperto tutto l’anno – resta il Flohmarkt di Mauer Park. Un po’ inflazionato dal turismo ultimamente, ma sempre amato anche dai berlinesi doc.

L’immenso parco che lo ospita è l’ex terra di nessuno in mezzo a cui passava il muro. Lunghe distese verdi, qualche collinetta e una piccola arena di pietra che ogni domenica dalle tre in poi si anima di uno degli spettacoli più divertenti: il karaoke.

Lungo una piana di ghiaia che costeggia il parco, appiccicate l’una all’altra, tantissime bancarelle in cui si può trovare di tutto. E quando si dice di tutto s’intende dalle vecchie polaroid (sia le foto che le macchinette per farle) alle borse di pelle, dalle pellicce alle scarpe, dalle poltrone di vecchi treni ai portaburro in ceramica. I prezzi, va da sé, dipendono molto dalla vostra capacità di contrattazione.

Prendetevi il tempo di esplorare gli scatoloni polverosi alla ricerca del vostro tesoro, qui non siamo al supermarket dove tutto è esposto per bene. Le cose più belle e preziose spesso si trovano in mezzo ad un tafferuglio di cianfrusaglie.

Quando poi, stanchi e appagati, vi ricorderete di avere uno stomaco, provate le flammkuchen, il barbecue o le piade tirate a mano dalle nonne turche e gustatevele con una birra distesi sulla pendice della collinetta.
Eh lo so, sarà anche colpa della primavera, ma Berlino ti fa innamorare.