Venezia13_Cosebelle_01

Ha vinto l’Italia. Due volte. Giocando in casa, dopo tanti anni di strapotere straniero, è il Bel Paese ad aggiudicarsi il Leone d’Oro al Festival del Cinema di Venezia. Ci è riuscita nel modo più difficile, con un documentario di Gianfranco Rosi che racconta la vita ai bordi del Grande Raccordo Anulare di Roma, Sacro GRA (geniale fin dal nome).

Venezia13_Cosebelle_02

Non era facile per Gianfranco vincere, perchè gareggiava coi giganti. C’era il fantasma di John Fitzgerald Kennedy, echeggiato da Peter Landsman in Parkland.

Venezia13_Cosebelle_03

C’erano Amos Gitai e Philippe Garrel che dirigeva il figlio componendo la propria autobiografia, c’era James Franco, l’autore/attore/pittore/scrittore del momento col suo Child Of God, c’era il maestro della commedia intelligente Sthepen Frears con Philomena, ed è facile vincere col dolore di una madre.

Venezia13_Cosebelle_04

E poi e poi quel pazzo di Terry Gilliam, Terry il visionario che crea dal nulla mondo interi e futuri che sembrano più veri di questo nel suo The Zero Theorem, alla ricerca del senzo della vita. Mondi futuri e atipiche aliene popolano pure la Scozia nelle fattezze troppo umane di Scarlett Johansson, mora e letale in Under The Skin. E se non bastasse tutta quest’immersione nella fantasia, su tutti arrivava Miyazaki, pronto come sempre a disegnare il flusso dei pensieri.

Venezia13_Cosebelle_05

E invece hanno vinto i film più piccoli, quelli che forse al cinema non li va a vedere nessuno e restano lì a comporre una poesia sospesa. Miss Violence, che tratta il difficile tema del suicidio di una bambina, si aggiudica la Coppa Volpi al miglior attore e il Leone d’Argento alla regia. Elena Cotta è la Miglior Attrice nei sui capelli bianchi per Via Castellana Bandiera mentre il gran premio della giuria va a Tsai Ming Jiang per il suo Stray Dogs.

Venezia13_Cosebelle_06

Venezia13_Cosebelle_07

Insomma, un Festival degli Outsiders, che per una volta fa sentire noi tutti ancor più vicini al Cinema. Perchè quello grande, non è solo quello dei grandi numeri. A volte è una telecamera che gira come avrebbe fatto Pier Paolo Pasolini per l’anello che abbraccia e insieme stritola Roma. Bravo Gianfranco.