Occhi, parte uno.

Questa è una sfida, un duello all’ultimo colpo fra noi e il tempo che (deve essere per forza così) scorre più veloce di mattina.

Quando si hanno cinque minuti per un trucco che deve durare per tutta la giornata si deve essere rapide, furbe e intelligenti; ogni secondo è prezioso e una linea a sproposito o una sfumatura che la prende per le lunghe rendono concreto il rischio di rincorrere, col viso a macchie, il treno che non ci aspetta (e vorrei ben vedere, con quel trucco!). Parte, allora, la rubrica per chi non sa da dove cominciare, per chi con una mano si trucca e l’altra lava i denti, per chi è in ritardo anche quando si sveglia in anticipo.

Iniziamo dagli occhi. Il primo passo imprescindibile consiste nell’applicare una base per gli occhi, un prodotto che previene le antiestetiche righine di ombretto sulle palpebre, che uniforma le discromie del contorno dell’occhio, che lascia intatto il trucco anche per 12 ore e ravviva il colore di qualsiasi ombretto.

Il prodotto cult è il Primer Potion della Urban Decay, una boccetta che ha tutto l’aspetto di una pozione magica, come il nome stesso suggerisce, un po’ infelice nella prima forma perché nelle sue fasi finali è praticamente inprelevabile, ma capace di prestazioni superlative.  Due colorazioni, la classica nel tubetto viola e una leggermente shimmer nella confezione gialla, è reperibile nei punti vendita Sephora più grandi oppure online quì per esempio. Il costo è un po’ alto, circa 18 euro per 11 ml , ma adesso la boccetta è cambiata e la durata rimane lunghissima: solo applicandolo ogni giorno finiremmo il prodotto in poco più di un anno.

Applicato il Primer in 30 secondi, abbiamo ancora 4 minuti e 30 da utilizzare.

To be continued…