Non sempre si sogna da soli. Anzi, insieme a SUN68 e attraverso il progetto EVERYDAYDREAMER IN EVERYDAYLIFE abbiamo scoperto come chi cerca di trasferire nella vita di ogni giorno le proprie passioni e speranze spesso riesca a realizzare questa magia grazie alle relazioni, alle amicizie, ai rapporti con gli altri. Maria Vicini combina la curiosità con lo stile e condivide con i suoi lettori tante ispirazioni destinate allo spazio privato per eccelleza, la casa; Vinil mette in funzione degli altri la sua arte e il suo immaginario, dando vita ad autentici capolavori di colore. Questa settimana faremo un ulteriore passo in avanti: apriremo le porte del nostro magazine ai sogni vissuti quotidianamente in comune, alla loro forza creativa, anche sul piano umano.

Cominciamo questo percorso con una coppia speciale. Abbiamo chiesto ai fotografi Giulia Tibaldi e Giordano Garosio, di fox eating skyr giuli&giordi, insieme nella vita e nel lavoro, di sognare con noi e raccontarci del loro immaginario, delle loro ispirazioni, dei loro desideri. Con grande gentilezza, ci hanno regalato le bellissime immagini di questa intervista e i loro pensieri di artisti, sognatori e viaggiatori ma anche di neo mamma e neo papà.

Venite con noi! Entrate nel progetto EVERYDAYLIFE, iscrivetevi subito per ricevere a casa gratuitamente la mascherina di SUN68, cliccate qui!

foxeatingskyr_SUN_04

Cosebelle Magazine: Iniziamo le presentazioni, ma passandovi il testimone: Giuli, chi è Giordi? E Giordi, chi è Giuli?

Giulia: Giordano è un gentile paziente testone, che ama la vita attiva e all’aria aperta, la natura e la montagna, le persone genuine e sincere, le cose semplici. Un uomo ancora bambino che sta diventando un babbo speciale.
Giordano: Giulia è dolce, ma non si fa mettere i piedi in testa; è determinata nel lavoro, ma allo stesso tempo premurosa e sensibile. Ama le cose fatte a mano e che hanno una storia da raccontare. Sotto molti aspetti mi completa.

foxeatingskyr_SUN_06 foxeatingskyr_SUN_11

CB: Chiudiamo gli occhi e facciamo un balzo indietro nel tempo, fino alla vostra infanzia: ci svelate la prima immagine che vi viene in mente e il vostro sogno da bambini?

Giulia: Uno dei ricordi più lontani che ho – anche se non so se è davvero il primo – sono io che con la copertina che mi ha fatto mia madre esco dal lettino a sponde e mi dirigo verso la camera da letto dei miei genitori. Ricordo il buio e la sensazione di paura per dover attraversare quello che mi sembrava un corridoio lunghissimo. E poi la voce di mio nonno che registrata su un audio-cassetta mi legge le avventure di Peter Pan.. Il sogno da bambina? Diventare un pompiere, quello che nel mio immaginario doveva essere il primo pompiere donna – ho poi scoperto con un misto di gioia e invidia – che già ce ne erano molte.

Giordano: Della mia infanzia ricordo il sapore dell’uovo sbattuto fatto da mia nonna, il grufolare dei maiali e l’aia della cascina dove passavo intere giornate a giocare con mia sorella.

foxeatingskyr_SUN_16

foxeatingskyr_SUN_07

In queste foto Giulia indossa un abito in viscosa colore blu con motivo a stelle, una maglia con cappuccio colore grigio e la mascherina SUN68

CB: Matrimoni, food, viaggi: come fotografi siete attivi in molti ambiti e in varie collaborazioni. Raccontateci del vostro lavoro.

G&G:  Gli stereotipi che ruotano intorno al fotografo solitamente sono di due tipi: lo “sfigato” in pantaloni di velluto a coste e camicia grigia che passa il tempo a lamentarsi del poco lavoro e della concorrenza, che discute con i colleghi dell’ultima macchina fotografica e delle sue prestazioni tecniche e che fa prevalentemente foto-tessere. Oppure il “figo” modaiolo che fotografa solo modelle per mega campagne pubblicitarie, che è invitato alle feste giuste che di fatto fa più vita sociale che fotografie. Senza voler parlare per i colleghi, diciamo che il nostro lavoro per la gran parte del tempo è un po’ diverso dalle due categorie descritte sopra, le foto-tessere le facciamo solo per noi stessi e alle mega festa ci andiamo raramente. Il nostro lavoro è fatto di discussioni, confronti e sperimentazioni, lunghi tragitti in macchina, di attese del momento di luce perfetto, di ore passate davanti ad un computer, di telefonate, sms, di stanchezza ed eccitazione, di tempi vuoti e frenesia, di incontri e belle persone. Sappiamo di avere una grande fortuna: facciamo un lavoro che ci diverte e che ci permette di stare insieme. Questa per noi è una grande risorsa.

CB: Cosa non vi stanchereste mai di fotografare? 

G&G:  Ognuno di noi ha le sue preferenze.
Giordano: non mi stancherei mai di arrampicare, scalare e sciare in alta montagna. Datemi un’alpinista o uno highliner da seguire in qualche impresa e mi renderete felice.
Giulia: amo più una fotografia legata alle persone, alle loro abitudini, alle loro storie – lifestyle. Anche se non smetterei mai di fotografare cibo. Ora come ora a questo si aggiunge Agnese. Siamo come terrorizzati di perderci qualcosa di lei, un sorriso, uno sbadiglio… siamo come incantati ed ipnotizzati dalla magia che ha portato nelle nostre vite che cerchiamo di trattenerla fotografandola.

CB: Dopo essere diventati genitori, quale sogno per il futuro si è affacciato nei vostri pensieri?

G&G: Diventare genitori è una cosa un po’ strana. Ogni giorno è una scoperta, ogni giorno si impara qualcosa in più. Tutto è felicità e confusione. Paure ed emozione. Ora come ora il pensiero più forte è di poter essere così come siamo per più tempo possibile, lavoro e vita in tre. Creare una stabilità familiare senza doversi piegare a grandi rinunce. Poter continuare a scoprire il mondo insieme, viaggiare e vivere più esperienze possibili insieme come famiglia.

foxeatingskyr_SUN_02

In queste foto Giordano indossa pantaloni chino colore grigio e la t-shirt SUN68 a righe della collezione primavera-estate 2014

CB: Domanda EVERYDAYDREAMER! Cosa sognate ad occhi aperti?

G&G: Una casa serena, una famiglia numerosa, una valigia sempre pronta e qualche nuova avventura.

_
Social:  facebook|facebook|Pinterest|Instagram|Vimeo| hashtag ufficiale #foxeatingskyr

Intervista a cura di Valentina Silvestrini  | Fotografie di Giuli&Giordi