cosebelle-Erik-Danielsen-flame-00

Qualche giorno fa, scrollando la caotica dashboard di tumblr, ho scoperto una cosa fantastica: esiste una fiamma eterna. Che, come dire, sarebbe già bastata la “fiamma eterna” a farmi emozionare, fantasticando su boschi fatati e circoli di streghe la notte di Halloween. Invece qui la situazione migliora da pazzi, perché questa fiamma che non si spegne mai sta in una piccola grotta. E questa piccola grotta sta dietro a una  C A S C A T A. Una cascata! Che è già bella e potente e magica di suo! Va beh, una serie di coincidenze magnifiche che ci portano nel Chestnut Ridge Park, nello stato americano di New York. Si chiama Eternal Flame Falls, nome che lascia poco spazio all’immaginazione ma arriva dritto al punto, nel pieno stile americano. Per raggiungerla, ci si fa una camminata di circa un’ora seguendo questo sentiero.
Come funziona? (Non spaventatevi, nel pezzo che segue ci sono strani nomi di rocce e gas, ma in fondo sono solo cose belle). Le fiamme eterne, che in natura sono molto rare, di solito si trovano in zone in cui c’è un’abbondante fuoriuscita di gas dal sottosuolo. Uno studio pubblicato nel maggio 2013 su Marine and Petroleum Geology e condotto da Giuseppe Etiope, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), e altri ricercatori dell’Università dell’Indiana, ha cercato di spiegare proprio questo caso, considerato quasi unico al mondo. E quello che si è concluso è che il rilascio di gas metano è di circa 1 kg al giorno e che potrebbe contenere la più alta concentrazione di etano e propano (C2 + C3) mai rilevata per una fuoriuscita di gas naturale (∼35 vol. %). Questo gas scaturisce direttamente da rocce poco porose situate ad alta profondità, rocce che prendono il nome di scisti, e non subendo alcun frazionamento molecolare mentre si dirige verso la superficie, rimane puro. E la fiamma riesce a mantenersi viva per la quantità costante (oltre che per la qualità) di metano rilasciato. Sembra che qualche volta si spenga, e qualcuno si preoccupi di riaccenderla. E si racconta anche che per la prima volta fu accesa centinaia di anni fa dagli indiani d’America.
Del resto, se uno sente parlare di una fiamma aterna, si deve per forza scervellare alla ricerca di ipotetiche risposte. O forse mi sbaglio, e ci si può serenamente abbandonare alla magia e alla fantasia. Sí, sembra più bella come opzione.

Peter-Swiatowy

Peter-Swiatowy-cosebelle-flame-00Da aggiungere subito alla lista dei “posti al mondo da vedere per forza”.

Foto © Erik Danielsen