Indie fashion.

Già dj, produttrice, fondatrice dell’etichetta discografica Bpitch Control Records (e ci fermiamo qui, altrimenti finite il post il prossimo week end) Ellen Allien è anche fashion designer.

Con la sua linea di abbigliamento, fondata nel 2007 ma presentata per la prima volta a Parigi a marzo, la regina berlinese della techno entra ufficialmente nell’olimpo della moda.

Ma cosa ci propone?
Tanto per cominciare, una frase (presa dall’intervista sul suo sito) che da sola esprime il femminismo meglio di qualunque manuale: “Stirare è un no-no!”. E direi, finalmente possiamo liberarci da questo giogo senza sentirci colpevoli di qualche efferato delitto contro la società.

Secondo. I vestiti devono essere confortevoli, resistenti, facili da lavare (stirare è out, come già detto), ma allo stesso tempo femminili.

Infine, la parola d’ordine è libertà. Nella sua produzione creativa non c’è alcun inseguimento di una linea di pensiero, arte, condotta o di una tendenza. Quello che le piace, Ellen lo fa. Un po’ per gioco, un po’ per caso, ma soprattutto per passione.