Elizabeth Lecourt lavora meravigliosamente la carta, progettando un lavoro metaforico di grande impatto: Les robes geographiques.
cosebellemag_ElizabethLecourt_16

Elizabeth Lecourt prende riproduzioni di strabilianti cartine geografiche del Cinquecento, come dell’Ottocento, e al loro significato, già ricco e intenso come solo quello del viaggiare sa essere, somma il significato della nuova forma che gli dà. In Les robes geographiques luoghi e terre più o meno conosciute sono confezionate ad hoc su abitini, salopette, camicie e pantaloni proprio come farebbe un abile sarto. Quelli di Elizabeth Lecourt sono due mondi che si accorpano in un nuovo scenario, in nuovi viaggi possibili e in un nuovo combustibile visuale. Un lavoro delicato e pieno.

cosebellemag_ElizabethLecourt_15

cosebellemag_ElizabethLecourt_14

cosebellemag_ElizabethLecourt_13

cosebellemag_ElizabethLecourt_12

cosebellemag_ElizabethLecourt_11

cosebellemag_ElizabethLecourt_10

cosebellemag_ElizabethLecourt_08

cosebellemag_ElizabethLecourt_07

cosebellemag_ElizabethLecourt_06

cosebellemag_ElizabethLecourt_05

cosebellemag_ElizabethLecourt_04

cosebellemag_ElizabethLecourt_03

cosebellemag_ElizabethLecourt_01