Charles Eames. Giant house of cards. 1953

Libertà stilistica e ingegneria tecnica. Ingegneria tecnica e libertà stilistica. Non ci sono altri termini per descrivere questo meraviglioso lavoro di editoria, opera di un progettista di furniture design, nonché architetto. Un ragionamento messo su carta, un pensiero descritto, una struttura versatile. Questo e molto altro rappresenta il set di venti carte realizzato da Charles Eames nel 1953 e intitolato Giant house of cards.

Prepotente il suo sguardo da architetto, straordinaria la sua tecnica da progettista, imbarazzante la libertà stilistica e creativa delle texture disegnate. House of cards può essere tutto e niente, si monta e si smonta, serve o è inutile, è industriale ma anche creativo, è una struttura razionale e un caos confuso. Insomma è una grande riflessione da custodire come una preziosissima eredità.