Ribs: a quest for the bay’s best.

Un magazine curioso questo. Siamo davanti alla raccolta di 35 localini di L.A., dal migliore al peggiore, in cui si consumano vaschette e vaschette di Ribs. I baracchini più improbabili, furgoncini o ombrelloni improvvisati e aree di sosta nascoste che sfornano in continuazione, si susseguono come in una classifica, con tanto di votazione.

Non è una classica guida, ma piuttosto un opuscoletto ben fatto ma dal sapore hand-made, consigliato dall’amico o dal vicino che conosce bene la città. Così foto, nome, indirizzo e voto per ogni punto di sosta creano un susseguirsi appetitoso di piatti tipici, descritti e votati da palati esperti. Mi viene in mente di riproporlo all’italiana!