Segnate questo indirizzo: Roma, Air Terminal Ostiense Piazzale XII Ottobre 1492.

Il posto bello di cui stiamo parlando è  Eataly – Alti Cibi, un locale che a parer mio dovrebbe essere annoverato tra le 7 meraviglie del mondo moderno. Ebbene sì, del mondo, perchè il Progetto Eataly firmato Oscar Farinetti, è un progetto di portata mondiale: il business man ha avuto infatti la geniale idea di portare in giro per il mondo il marchio dei nostri migliori prodotti eno-gastronomici, riconosciuti e apprezzati per essere i migliori sulla piazza. Prima in Giappone e negli Stati Uniti, poi in Italia ed infine a Roma e Bologna. E, se ancora non ci avete fatto un salto, vi consiglio di correre a dare un’occhiata.

Oltre ad avere a disposizione un vero e proprio food store di altissima qualità, dove trovare prodotti ricercatissimi e di altissima qualità, qui potete fare una fermata alla friggitoria di Pasquale Torrente o fermarvi per una cena di gala al Ristorante Italia, dove lo Chef -appena trentenne- Gianluca Esposito vi delizierà ogni giorno con una scelta di 20 piatti diversi: 5 antipasti, 5 primi, 5 secondi e 5 dolci, ciascuno proveniente dalle 20 diverse regioni italiane, proposti nel rispetto della più fedele tradizione, ma con il tocco originale di Gianluca.

Al piano terra si trovano i frigoriferi di latte, yogurt e latticini e le aree dedicate al dolce: il migliore cioccolato, le confetture, i mieli, i biscotti, i torroni, i prodotti per la prima colazione, caffè, the e tisane e le creme spalmabili. Si arriva quindi al reparto in cui trovate i frigoriferi con spremute e frullati di stagione, le migliori verdure degli orti laziali e d’Italia, la più buona frutta di stagione, la frutta secca e le spezie, la panetteria che sforna pane a lievitazione naturale cotto nel forno a legna e la focaccia genovese. Si prosegue con l’area dei prodotti per la cosmesi e degli elettrodomestici: tavola e cucina, con i migliori strumenti per cucinare e allestire la tavola e la zona dedicata alla cura del corpo e della casa con profumi, saponi e prodotti di fitocosmesi. Ancora al primo piano potrete acquistare le migliori paste di grano duro di Gragnano, il riso, le farine, i cereali e la pasta fresca prodotta tutti i giorni. Aceti, olii da tutta Italia, sughi e conserve, fino ad arrivare al mondo dei salumi e formaggi: diversi banchi frigo a libero servizio e due aree servite permettono di acquistare il meglio dell’arte casearia e della norcineria italiana. Non perdetevi il banco interamente dedicato alla mozzarella fresca casertana e il settore dedicato alla birra.

Al secondo piano sono stati disposti il banco della carne e quello del pesce, quest’ultimo da far invidia al nipponico Tsukiji,  dove ogni mattina lo scarico del fresco è d’obbligo. L’enoteca di Eataly offre inoltre la possibilità di scegliere tra migliaia di etichette italiane, con un’attenzione particolare per i vini della regione Lazio e per i vini dell’Associazione Vino Libero: vini liberi dai concimi chimici, dai diserbanti e dai troppi solfiti aggiunti. E una volta finito il percorso vi consiglierei di scendere di nuovo al piano terra per gustarvi un ottimo dolcetto firmato Luca Montersino e sorseggiare un caffè illy che risveglia pure i morti.