Tutto dedicato alle mostre milanesi.

In occasione del salone del mobile anche l’arte dedica eventi, mostre e incontri, al design e non solo. Nella settimana più movimentata e turbolenta della città, ecco alcuni appuntamenti imperdibili e mostre da vedere.

20120415-104526.jpg

16 aprile 2012 dalle ore 18. Untouchables Retouched. O’ via Pastrengo 12, 20159 Milano
In occasione del Salone del Mobile 2012, O’ ospita Untouchables Retouched, progetto del collettivo olandese Dutch Invertuals e unitamente apre il proprio bookshop permanente, con un progetto di allestimento di MammaFotogramma Studio.

20120415-104941.jpg

17 aprile 2012 ore 19.30 – Uncovered 2012 – Qualities.CAREOF, Via Procaccini 4, 20154 Milano.
Fino al 28 aprile 2012
Nell’ambito di Posti di Vista RI-CREAZIONE, viene presentato il progetto, a cura di Michela Pelizzari e Federica Sala, ” Uncovered – Qualities”. Sei progettisti Line Depping e Jakob Jørgensen, Elisa Honkanen, Elia Mangia, Simone Simonelli, Peter Johansen mostrano una serie di nuovi prodotti che mirano a ridefinire l’idea di qualità del design.

20120415-110004.jpg

17 aprile 2012 ore 19. Low Cost Design. VIAFARINI, Via Procaccini 4, 20154 Milano.
Fino al 28 aprile 2012
Oggetti e strutture, nati per assolvere a un compito, sono trasformati per risolverne altri; il merito è di noi tutti, creativi spontanei, indirizzati dagli strumenti tecnologici e culturali, da abilità intuitiva, capacità di astrazione, caso ed errore. Low Cost Design è un progetto aperto e costantemente in progress.

20120415-110425.jpg

20 aprile 2012 ore 19.30 – Martí Guixé: private collection – HANGAR BICOCCA, Via Eugenio Chiesa, 2 20100 Milano.
Martí Guixé, incontra il pubblico di HangarBicocca per raccontarsi attraverso la sua collezione personale di “immagini di cibo, neologismi e modelli di business”. Prendendo come spunto l’archivio che sta alla base dell’installazione Shadow Play di Hans-Peter Feldmann in HangarBicocca.

20120415-110944.jpg

Hans-Peter Feldmann – Shadow Play(2002-2012). HANGAR BICOCCA, Via Eugenio Chiesa, 2 20100 Milano.
Fino al 10 giugno 2012
Feldmann ha ripensato e riproposto una nuova versione di una delle sue più conosciute e amate installazioni: Shadow Play è un’opera al crocevia tra fotografia e cinema, installazione ambientale e teatro. Attraverso il movimento e l’utilizzo della luce come elemento compositivo Shadow Play è una riflessione poetica sulle molteplici possibilità di interpretazione delle immagini.

20120415-111212.jpg

Walter Niedermayr. SUZY SHAMMAH, Via San Fermo/ Via Moscova 25.
Fino al 19 maggio 2012
Nella sua terza personale alla Galleria Suzy Shammah, Walter Niedermayr presenta una serie di lavori sul paesaggio alpino mai esposti prima, incluse alcune opere appartenenti alla Aspen Series, realizzate ad Aspen, Colorado.

20120415-111442.jpg

Wo bu shufu (non mi sento tanto bene). NOWHERE GALLERY, Via del Caravaggio 14, 20144 Milano
Fino al 26 maggio 2012

20120415-111555.jpg

Will Benedict – Bonjour Tourist. GIÒ MARCONI, Via Alessandro Tadino, 15 20124 Milano.
Fino al 19 maggio 2012
Nel corso degli ultimi anni Will Benedict ha lavorato in maniera professionale come fotografo, pittore e turista. Presenta presso la galleria Giò Marconi la mostra Bonjour Tourist con i nuovi lavori realizzati attraverso la combinazione di gouaches e fotografie sagomate, montate su speciali cornici in alluminio.

20120415-111824.jpg

Nate Lowman. MASSIMO DE CARLO, Via Giovanni Ventura 5, 20134 Milano
Fino al 12 maggio 2012
L’artista è solito prelevare ritagli di immagini da una collezione, tuttora in corso, di giornali e riviste, cose trovate online, per la strada o nel suo studio. I suoi dipinti, così particolareggiati da sembrare stampati, sono in realtà creati attraverso l’utilizzo di pittura alchidica o ad olio, utilizzando come supporto il lino o la tela.

20120415-112915.jpg

Ali Kazma – Intimacy. FRANCESCA MININI, Via Massimiano, 25 20134 Milano
Fino al 3 maggio 2012
Ali Kazma presenta Intimacy, seconda mostra presso la galleria in cui espone tre lavori video: Taxidermist, Cuisine e Absence. I primi due fanno parte della serie Obstructions che racchiude 15 video attraverso i quali Ali Kazma documenta varie attività umane legate ad aspetti quali produzione, creazione, manutenzione e riparazione indagando la condizione di lavoro dell’uomo, sia esso artigianale che industriale. Invece Absence (2011) è un recente progetto di Kazma, un video a due canali che ci accompagna in Olanda all’interno di una base NATO abbandonata.