Parigi è forse l’unica città al mondo che non ha la minima intenzione di fare il verso a New York. Al massimo è il contrario.

Come in questo zuccherosissimo caso: i macarons sono la nuova passione dei newyorkesi dal palato fino (e la mia, che li sto inseguendo per tutta Manhattan a mo’ di Indiana Jones alla ricerca del macaron perduto) , paradisiaci dolcetti meringosi di mandorle e gusti assortiti, già resi mitici da Ladurée a Parigi e ora gloriosamente importati sul suolo americano da bakeries con la erre moscia o addirittura boutiques dedicate. Tipo Bisous Ciao, che su Stanton St. ha dedicato un negozio intero alla piccola, perfetta delizia francese (la mia parzialità rispetto alla materia è evidente, lo so) variegata al pistacchio, al caramello salato, alla violetta, al cioccolato e menta e via andare, in modo che anche gli hipsters del Lower East Side possano avere la loro sugar fix senza uscire dalla riserva. Tutta la città si sta punteggiando di angoli mandorlati e io sono sempre più felice: evidentemente la popolazione sta rispondendo bene alla proposta di un dolcetto più modesto di una cupcake da mezzo chilo e 1.840 calorie. Vive la France!