Jude Law.

Come non nutrire una sorta di reverenza per questo baldo giovane inglese?

Primi punti a suo favore: occhi azzurri oltremare, labbra disegnate, nasino all’insù, muscoli che non si sa da dove li ha presi. Sarebbe da cattivoni soffermarsi sulla neo-quasipelata! E’ bello da mozzare il fiato…. e la memoria: un’amica alla sua domanda “where is Torino? In the north or south of Italy?” non lo ricordava più.

Secondo pregio, che si aggiunge alle qualità di cui sopra e che tende a fare di Jude Law uno dei migliori attori della sua generazione, è la bravura! E la versatilità.

Tralasciamo le ultime schifezze dai grandi incassi, Sherlock Holmes e Sherlock Holmes 2 – La vendetta che ci appioppano da un paio di Natale a ‘sta parte e che dei libri di Conan Doyle conservano solo i nomi dei protagonisti, orientandosi verso il mercato che ama le lotte a torso nudo e palestrato, i salti tra i grattacieli e le esplosioni scenografiche alla Spiderman e soffermiamoci su film che sono di tutt’altro rispetto.

Alfie, remake dell’omonimo film del 1966. Alfie che riesce sempre a prendersi un momento da dedicare allo spettatore, Alfie che non ci pensa due volte prima di scaricare donne innamroate perse di lui. Ma anche a lui andrà male quando si innamorarerà. E’ la legge del contrappasso, baby. E ciliegina sulla torta, una bella, bellissima Sienna Miller, come Brigitte Bardot.

E ancora. L’amore non va in vacanza (The Holiday). E’ uno di quei film che bisogna vedere il pomeriggio della vigilia di Natale. Dalle tre alle cinque prendetevi il vostro tempo per rilassarvi prima dei tre giorni di parentame intenso, una tazza di the bollente, divano e plaid. Natale è il momento giusto per credere ancora al colpo di fulmine, all’amore vero e al vissero per sempre felici e contenti e soprattutto Natale è il momento giusto per credere che anche di me si innamorerà un Jude Law, ed io sarò la sua Cameron Diaz.

In ultimo c’è Un Bacio Romantico (My Blueberry Nights). Un ragazzo, una ragazza, tanto blues e una torta ai mirtilli. “Cosa c’è che non va nella torta di mirtilli?” “Non c’è niente che non va nella torta di mirtilli, solo che le persone fanno altre scelte. Non puoi dare la colpa alla torta di mirtilli, è solo che.. nessuno la vuole.”

Pare che a Jude non gliene manchi una per essere l’uomo perfetto ma… ci siamo già dimenticati quello che i rotocalchi ci hanno raccontato della sua vita privata? Della scappatella con la baby sitter? Del bambino con Samantha Bruke dopo una notte (/mattina/pomeriggio) di passione?

Se non state cercando marito e vi basta poter apprezzare dal vivo le qualità artistiche (e muscolari) del bel Jude, vi basterà avere un po’ di pazienza: ad anni alterni è in scena in qualche teatro londinese. E quando, ogni sera, Jude sfiderà una folla di ragazzine urlanti (voi comprese) per firmarvi l’agenda – come mostra l’ultima foto, fatta da me medesima a Londra nell’estate 2009 – e vi accoglierà con un you’re welcome! o un it’s a pleasure!, potrete sbarrare uno dei punti della lista “cose da fare nella vita”.