20120401-152234.jpg

Considerato l’Andy Wahorl britannico, per anni David Hockney è rimasto nel dimenticatoio sia per i tanti rivali connazionali e sia perché la pittura, come genere espressivo,ha vissuto un momento di stasi, superata dal fiume in piena della video arte e dell’arte multimediale.

20120401-152100.jpg

Da qualche anno però è stata riscoperta e con lei tanti pittori del passato sono riemersi dalle ceneri, uno tra tutti proprio Hockney che dopo la morte dell’ultimo rivale Lucian Freud è di nuovo sulla cresta dell’onda come un giovane surfista californiano.
Proprio lui che della California ne ha fatto la sua patria di adozione, dove amava ritrarne gli abitanti ed era affascinato delle loro ville con piscina. Il risultato sono dei buffi quadri al limite tra il naif e l’ iperrealismo, penso ad Hopper, e chissà perché anche a Rousseau.
Il suo quadro più famoso “The Bigger Splash” è sicuramente al pari per importanza alle Marilin warholiane.

20120401-152810.jpg

20120401-152909.jpg

Non fu solo un abile pittore ma anche fotografo, scenografo, grafico e incisore aveva la tendenza a sperimentare tutte le strade espressive, come ad esempio in fotografia si era inventato le immagini scomposte usando le polaroid. Una tecnica, ancora molto diffusa.

20120401-152332.jpg

Oggi è un artista che si è saputo reinventare, alla veneranda età di 75 anni, utilizza le nuove tecnologie con la naturalezza di un bambino che impugna per la prima volta una matita. Realizza ritratti utilizzando la tavoletta grafica o ancora più sorprendente utilizza un applicazione per ipad e iphone con cui disegnare a mano libera direttamente sullo schermo.

20120401-154142.jpg

Con questa trovata ha dato vita ad una mostra presso la Royal Academy di Londra, inaugurata lo scorso gennaio, in cui sono state esposte 51 opere realizzate con l’utilizzo di ipad.
Già nel 1987 aveva tentato un’impresa simile disegnando opere con Quantel Paintbox, un programma Apple con un grosso problema di programmazione: la sua mano era piú veloce della tecnologia. Per tanto ha dovuto aspettare l’arrivo di ipad.
La mostra “A Bigger Picture” in corso fino al 9 di aprile, si sposterà al Gugghenaim di Bilbao dal 14 maggio e al 30 settembre 2012 e presso Museum Ludwigh di Colonia dal 29 Ottobre al 4 Febbraio 2013.

20120401-152502.jpg

Dedicato alle nostre geek girls ecco l’applicazione usata da David Hockney per realizzare i suoi quadri, Brushes.