E’ capitato anche a voi di ritrovarvi tra gli scaffali di una libreria per bambini a cercare qualche classico della letteratura in edizione digeribile per il vostro bambino? E avete pensato anche voi alla vostra professoressa di greco (o di filosofia) che ripeteva come avreste apprezzato i classici una volta diventati adulti? Se avete risposto sì ad una di queste domande, questo è il post che fa per voi!

Il cuore di Don Chisciotte, Gek Tessaro, ed. Carthusia

Sono numerose le ispirazioni che danno forma a questo bellissimo libro. L’emozione dell’esperienza teatrale. La poesia del volume originario. La forza di un pennello che ha conosciute tante tele. Lui, l’autore, sostiene che a “60 centimetri da terra si muovono pianeti sconosciuti e inimmaginabili“: in questo libro ne ha catturati molti.

La narrazione si intreccia con i versi originali di Cervantes. E la storia è così avvincente per il bambino quanto poetica per l’adulto che gliela legge. E’ consigliato dai 9 anni in sù. Ma piacerà anche ai bambini più piccoli. Perchè ci sono cavalli, balene, cavalieri e battaglie.

CXC_GEk Tessaro 1

La tempesta, dall’opera teatrale di William Shakespeare, adattamento di Alba Meo, illustrazioni di Desideria Guicciardini. Ed. Lapis

Inserito nei White Ravens 2006 (riconoscimento internazionale che seleziona ogni anno i migliori 250 libri per ragazzi pubblicati nell’anno), il dramma della tempesta è in effetti una storia perfetta per un bambino. C’è la magia, la potenza della natura, la diversità, la famiglia, il sentimento. Perché come afferma il potente mago Prospero “Noi siamo della stessa sostanza di cui son fatti i nostri sogni“. Così le parole che ascoltiamo, risuonano dentro di noi secondo le note che possediamo.

La tempesta

I miti greci per i piccoli, Stefano Bordiglioni, edizioni EL

Cosa c’è di più appassionante di conoscere la storia delle fatiche di Ercole? E cosa di più pauroso dell’avventura negli inferi di Orfeo? La mitologia ci affascina da migliaia di anni. Da quando, come bambini, cercavamo la spiegazione di ciò che non conoscevamo nella fantasia. I testi di Stefano Bordiglioni sono brevi il giusto per coinvolgere un bambino che non sa ancora leggere e suscitare in lui mille domande di cui dovrete inventare le risposte.

CXC_Miti greci

L’ultima segnalazione questa volta non è un libro ma una poesia. Dei versi di Stefano Benni.

Belli da ripetere ad un bambino, testimone perfetto della serietà di parole così folli, come solo l’amore e l’infanzia le può fare.

Io e te partiremo
su un aereo di carta
in tre ore per passare il mare
dove il vento ci porta

un aereo di carta di giornale
che porta la notizia che
io e te siamo partiti
e non si sa dove siamo finiti

(L’isola dell’amore)

Articolo a cura di @mammadifilippo, cacciatrice di cose belle per pance molto grandi e bimbi molto piccoli.

Seguitela anche sul blog Maternity Leave, su Facebook e su Pinterest.