Prepariamo a luglio i regali da mettere sotto l’albero.

Il pensiero di stare dietro ai fornelli d’estate può essere… asfissiante.
Ma se accantoniamo la pigrizia e la viviamo come un bel gioco con una gustosissima ricompensa, avremmo tanti buonissimi vasetti per l’inverno che ci ricorderanno con nostalgia l’estate.

Un po’ di pazienza, pochi strumenti indispensabili sterilizzati come in una sala operatoria e soprattutto materia prima di qualità: siamo pronti per le conserve!
Partiamo dalla fine, cioè dall’immaginarci sdraiate sul divano, con la pioggia che batte sopra i vetri, con una copertina e una bella tazza di tè fumante: cosa c’è di meglio per ingolosirla di una bella fetta di pane imburrata con della marmellata a pezzettoni,  fatta da noi?
O magari pensate a quanti profumi esploderanno da quel vasetto sott’olio che apriremo a cena…
Preparare le conserve potrebbe essere un’idea in più per un pomeriggio da passare con le amiche, o un momento di riunione della famiglia (ricordo ancora che da bambini ci si litigava il privilegio di usare lo spremipomodoro).

L’estate ci offre tutto il meglio, e tutta la varietà, della frutta e degli ortaggi, ingredienti indispensabili per confezionare per noi, o per gli amici, dei deliziosi souvenir, con dentro tutto il sole e i gli odori della bella stagione.
Confetture e marmellate possono essere inoltre un buon terreno per le più avventurose, pronte a cimentarsi con nuovi gusti e abbinamenti.
Si può partire dal far bollire nella stessa dose di zucchero la frutta più comune, magari incominciando dal gusto prediletto (arance, albicocche, pesche, ciliegie); poi si può spaziare verso frutti più esotici o nel “ripensare” gli ortaggi nella loro versione dolce (pomodori, cipolle, carote).

Oppure, se vi intriga sperimentare gusti di altre culture, perché non cimentarsi nella preparazione di una chutney?
Per chi non la conoscesse, si tratta di una preparazione agrodolce, spesso piccante, della cucina indiana, che mescola ortaggi, frutta e verdura, insieme a spezie, aceto e zucchero. La più conosciuta è quella di mango, ma ci sono centinaia di ricette con gli ingredienti più disparati.

Se poi il dolce non è proprio il vostro gusto preferito, niente di più goloso di una conserva di peperoni arrosto, o di melanzane sott’aceto, o di pomodorini ripieni di tonno.
Sono prelibatezze che comunemente troviamo sugli scaffali del supermercato, ma pensate al risparmio nel realizzarle a casa, e a quel tocco in più se ci aggiungiamo dell’ottimo olio extravergine e quella spezia segreta.
Per non parlare delle gelatine, delle mostarde, delle salse, della frutta sciroppata o sotto spirito…ogni ingrediente dell’orto può finire in un vasetto.

Insomma, il mondo delle conserve è vario e variegato, quasi un labirinto multicolore che potrebbe riempirci la dispensa, con poca fatica e tante soddisfazioni.
Per le neofite ci sono in libreria  tantissime pubblicazioni corredate da bellissime foto; io consiglio la visione di questo programma: “Le conserve di Camilla”, ogni martedì alle 22.00 su Gambero Rosso Channel (canale 411 di Sky).
Il tocco in più della protagonista sta nel consigliarvi anche tanti modi di confezionare queste delizie sotto vetro, e in men che non si dica avrete già pronti, a luglio, i regali per Natale!