Oggi il Giappone cerca di distrarci dalle palme milanesi a modo suo: iniziando anticipatamente a far fiorire i ciliegi a Kawazu, a meno di 3 ore di treno da Tokyo! È infatti la prima volta in 15 anni che la fioritura comincia così presto in febbraio, esattamente il 15 del mese. Il bel tempo degli ultimi mesi ha portato gli 8000 ciliegi di Kawazu, varietà scoperta nel 1955 e chiamata Kawazu Zakura – ovvero i ciliegi di Kawazu -, ad essere già pronti per essere ammirati durante l’annuale festival della fioritura, il ventisettesimo per la città di Kawazu, iniziato qualche giorno fa e che si concluderà il 10 marzo.

kawazu-sakura

Atteso circa 1 milione di visitatori, che potranno ammirare i fiori rosa lungo il fiume – uno degli spot più rinomati e splendidi, con i suoi 800 alberi di ciliegio ad ornarlo -, così come goderseli illuminati la notte. Come souvenir potrete portarvi a casa minuscoli ciliegi che addolciranno le vostre scrivanie. Mentre, finite le passeggiate, vi potrete rilassare nelle numerose sorgenti termali presenti nell’area di Kawazu.

© aya.chacooo

© aya.chacooo

Giappone, la struggente poesia della fioritura dei ciliegi

Per sapere di più sull’incredibile periodo dell’hanami – termine che letteralmente significa “guardare i fiori” ma utilizzato esclusivamente in riferimento al fiore di ciliegio -, viene resa disponibile online la tabella con le date previste per la fioritura di ciliegi in tutto il Giappone.

kawazu-ciliegi

E non crediate che la bellezza di questo momento sia solo quella di ammirare quei delicati fiori appena sbocciati. Nella cultura giapponese infatti questo è considerato un tempo malinconico, in cui la vera attenzione viene rivolta ai piccoli petali che già si staccano e volano via, a ricordare la bellezza effimera e la caducità della vita. Insomma, non è quella festa romantica e pastellosa che ci immaginiamo noi guardando questo spettacolo dal Vecchio Continente. C’è da dire che figurarsi la caducità della vita circondati da una pioggia rosa durante un pic nic sull’erba soffice non poi così male.