Arte sotto shock.

Il mercato dell’arte in Brasile come nel mondo è in espansione, ma solo i facoltosi possono permettersi di comprare, con il risultato che l’arte è così accessibile solo a pochissime persone. L’obiettivo principale della galleria Choque Cultural è di espandere il mercato dell’arte, cambiare questo scenario – che attrae soprattutto i giovani – dare spazio ad una maggiore diversificazione delle proposte artistiche e agli artisti stessi.

L’innovativo spazio espositivo adottato si adegua alle idee di curatori e artisti che espongono le loro opere.  Accanto alla galleria, un negozio con prodotti come poster, adesivi e stampe di artisti che sono passati di lì sono alla portata delle tasche di ogni giovane amante dell’arte. Oltre ad incoraggiare la cultura giovanile nel Paese – presentando oltre 200 artisti brasiliani sin dalla sua apertura nel 2004 – Choque Cultural ha contribuito anche alla diffusione dell’arte dall’estero, presentando più di 50 artisti internazionali in Brasile.

Questo mese verrà presentato il lavoro di Rafael Silveira, pittore figurativo brasiliano che usa la tecnica ad olio mixando rococò, arti grafiche e fumetti. Il suo lavoro inneggia al surrealismo: prospettive distorte, forme e colori modificati, nel tentativo di bilanciare elementi come la bellezza, l’umorismo, la calma, la rabbia e il dramma così come li percepiamo nella vita.

Fino a fine marzo saranno inoltre ancora esposte le opere di Adam Wallacavage, scultore, fotografo, nonché un importante rappresentante del PopSurrealismo nord americano. Da segnalare la sua partecipazione per quattro anni ad Art Basel e le sue esposizioni in musei come l’Institute of Contemporary Art di Philadelphia. Le sue opere sono particolarissimi candelabri, ispirati alla natura, parlano della bellezza romantica dell’amore.

CHOQUE CULTURAL è aperto da martedi a sabato, dalle 12 alle 19.

Rua João Moura, 997, Pinheiros.

São Paulo, Brasile