chelsearoyalhospitalandgarden_cosebelle00

Chelsea Royal Hospital, Londra

L’idea di visitare il Chelsea Royal Hospital può non suonare particolarmente attraente: un ospedale militare, ospizio, casa di riposo e associazione dei veterani? Davvero? Eppure, credetmi, questa visita può rivelarsi istruttiva, specie per ciò che riguarda il carattere nazionale inglese, ed anche toccare il cuore con una tenerezza inaspettata. Per non parlare dei suoi bei giardini, come anche degli ampi cortili, seppur decorati ogni tanto da cannoni e relative montagnette di proiettili disposte a profiteroles.

chelsearoyalhospitalandgarden_cosebelle01

Cortile del Chelsea Royal Hospital a Londra

Lasciamo per un attimo da parte ogni considerazione storica e politica sul ruolo dell’esercito britanico nei secoli, di volta in volta occupante imperialista di colonie o salvatore alleato del bene contro le forze oscure del nazismo; e apprezziamo invece le forme nette, solatie, linde, di queste strutture ospedaliere e di accoglienza seicentesche, chiaro esempio di razionalismo pre-illuminista e di praticità e utilità sociale anglicamente intesi.

chelsearoyalhospitalandgarden_cosebelle02

Chelsea Royal Hospital, Londra, cortili interni

Le aggiunte ottocentesche seguono la stessa linea, spartane ma accoglienti, come si deve a chi è ora un pensionato per invalidità o vecchiaia, due cose che meritano in ogni caso attenzione e rispetto.

chelsearoyalhospitalandgarden_cosebelle03

Chelsea Royal Hospital, Londra

E qualunque sia il nostro pensiero o il nostro sentimento in proposito, vedere i vecchietti in giubba rossa aggirarsi con passo incerto tra la caffetteria e le struttura di cura, o riposare su una panchina con lo sguardo perso a rincorrere memorie o magari a riflettere su ciò che è stato, non può, per un attimo, non stringere il cuore.

chelsearoyalhospitalandgarden_cosebelle04

Statua al Veterano, nel giardino del Chelsea Royal Hospital, Londra